Vaccinazioni anti-Covid, dal 13 gli over 50

vaccinazione area vaccinale primula

In Emilia-Romagna sarà aperta da giovedì 13 maggio la finestra di prenotazione per la vaccinazione anti-Covid riservata alla fascia d’età di persone dai 50 ai 54 anni, quelle nate tra il 1967 e il 1971 compresi: una platea di 320mila persone, al netto di coloro che hanno già iniziato o concluso il percorso vaccinale per altre motivazioni professionali o di rischio.

Per prenotarsi è possibile chiamare direttamente il proprio medico di medicina generale oppure collegarsi alla pagina dedicata sul sito della Regione Emilia-Romagna, selezionare la classe 50-54 anni e compilare il modulo con i propri dati anagrafici e i propri recapiti: in quest’ultimo caso ogni medico di medicina generale riceverà i nominativi dei propri assistiti che si sono candidati, potendo così programmare le vaccinazioni in autonomia o in collaborazione con l’azienda Usl competente per territorio.

Le vaccinazioni per gli appartenenti alla fascia d’età 50-54 anni inizieranno non oltre la prima settimana di giugno, considerando quelle in corso che sono già in capo ai medici di medicina generale – a partire dalle prime e seconde dosi per il personale scolastico. Complessivamente in Emilia-Romagna i medici di medicina generale, che collaborano alla campagna vaccinale regionale sulla base dell’accordo nazionale, si sono impegnati con la Regione a garantire 70mila vaccinazioni alla settimana.

“Siamo soddisfatti – ha spiegato l’assessore regionale alle politiche per la salute Raffale Donini – per la disponibilità che i medici di medicina generale ci hanno dato a implementare e accelerare ulteriormente la campagna vaccinale, una disponibilità nata su loro richiesta. Confidiamo che l’obiettivo delle 70mila dosi settimanali, quindi 300mila al mese, venga raggiunto, in modo da continuare a delegare loro in esclusiva la somministrazione del vaccino a questa fascia di età, mentre i nostri hub naturalmente continuano ad essere attivi”.

L’obiettivo, ha spiegato l’assessore Donini, è quello di “incrementare sempre più le dosi giornaliere somministrate, auspicando la regolarità delle quantità annunciate da parte della struttura commissariale. Oggi poi è una giornata simbolica, perché abbiamo superato i due milioni di dosi somministrate. In Emilia-Romagna più di un terzo della popolazione vaccinabile ha già ricevuto almeno una dose, quasi il 18% entrambe le dosi: e siamo pronti a correre ancora di più e a mantenere il passo anche per i probabili, futuri richiami necessari”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu