Pd: una raccolta di firme per sbloccare le infrastrutture

bandiere-pd

“L’iniziativa di sabato scorso è stata un successo: istituzioni e associazioni, imprese e lavoratori hanno detto chiaro e tondo che questa regione non si rassegna alla recessione a cui il Governo sta condannando il Paese; per questo chiede lo sblocco di quegli investimenti e di quelle infrastrutture che possono dare lavoro ai nostri cittadini e competitività alle nostre aziende. Come Pd vogliamo dare voce a chi non si arrende alla logica del declino e del blocco delle opere per dissidi interni alla maggioranza di governo”.

Commentando la manifestazione “L’Emilia-Romagna non si ferma” che ha visto la Regione, insieme ai Comuni e alle Province, ai sindacati, e alle associazioni di categoria rivolgere un appello accorato al Governo affinché dia corso ai progetti delle opere infrastrutturali dell’Emilia-Romagna, il segretario del Pd regionale Paolo Calvano rilancia: “abbiamo deciso, insieme a tutti i segretari provinciali, di organizzare una grande raccolta di firme per chiedere che da Roma arrivino dei sì alle infrastrutture, invece della solita politica che mira a bloccare tutto perché su tutto divisa. L’Emilia-Romagna e l’Italia non possono essere ostaggio dei litigi perenni di Lega e M5s”.

“Sabato 16 marzo – prosegue Calvano – i circoli del Pd saranno aperti in tutta l’Emilia-Romagna per una giornata straordinaria dedicata al tesseramento, quale occasione migliore di questa per avviare una raccolta firme fra tutti i cittadini che sono stanchi un Governo che non decide e che blocca gli investimenti. Vogliamo dar voce a tutti quelli che, come noi, non si rassegnano al declino e chiedono lavoro”. “Dire sì alle infrastrutture, infatti, non significa soltanto avere una Regione più competitiva e moderna – conclude il segretario – vuol dire migliorare la qualità della vita, dando opportunità e posti di lavoro. Per questo abbiamo deciso di dare voce ai cittadini con questa raccolta di firme, a tutti i cittadini, perché le politiche di Lega e Cinque Stelle finiranno per danneggiare tutti gli emiliano-romagnoli, a prescindere da chi abbiano votato”.



C'è 1 Commento

Partecipa anche tu

Invia un nuovo commento