Ok alla ciclabile del Secchia: 80 km da Novi a Sassuolo

ciclabile_secchia

La Giunta regionale dell’Emilia-Romagna ha deliberato l’approvazione ed il finanziamento del progetto di completamento della ciclovia del Secchia da Rubiera a Lugo. Si tratta di 400mila euro su un progetto che vale un milione di euro, destinato a collegare, sulla sponda sinistra del fiume, la Corte Ospitale di Rubiera con Lugo di Baiso, rendendo possibile su tutta la fascia fluviale lo spostamento su bici.
Il progetto, elaborato dall’Ente Parchi Emilia Centrale nel ruolo di coordinatore, era stato presentato sul “bando ciclabilità” della legge regionale n. 10/2017 dal Comune di Castellarano quale ente capofila, con il coinvolgimento dei Comuni di Rubiera, Casalgrande e Baiso, interessati dalla ciclovia.
Nel dettaglio, la ciclabile di progetto viene identificata come parte della ciclovia regionale del Secchia (ER13) e ne costituisce la parte centrale di 33 chilometri su 132 complessivi. I lavori per il completamento della ciclovia risolveranno anche l’annosa questione del superamento della stretta del Pescale, dove oggi si arrestano gli otto chilometri della ciclabile da Villalunga a Castellarano, rendendo possibili futuri sviluppi e prolungamenti della tratta verso l’Appennino.

La ciclovia del Secchia offre anche tre collegamenti al “Percorso natura Secchia” modenese che si sviluppa per 80 chilometri dal territorio di Novi fino a quello di Sassuolo.

Grande soddisfazione è stata espressa dal presidente dell’Ente Parchi Emilia Centrale, Giovanni Battista Pasini: «L’approvazione di questo finanziamento – ha detto – conferma l’importanza di un progetto che abbiamo elaborato in piena sintonia con i Comuni interessati e in coerenza con gli obiettivi che ci stanno portando all’istituzione di un Paesaggio protetto nel medio e basso corso del fiume Secchia. Il completamento della ciclovia permetterà il miglioramento delle infrastrutture per la fruizione senza mezzi motorizzati del territorio fluviale».
I lavori previsti, che saranno avviati nel corso del 2019, riguardano la realizzazione di collegamenti e allargamenti della pista, la posa di adeguato manto stradale e segnaletica, oltre alla necessaria messa in sicurezza sia idraulica che stradale.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu