Allerta in Emilia, ma il Po sotto è controllo

piena_po

Rientra in Emilia-Romagna l’allerta arancione dovuta al transito della piena del Po.
L’ultimo bollettino dell’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile per l’Emilia-Romagna e di Arpae declassa a “gialla” la criticità idraulica per la pianura emiliana orientale e per la costa ferrarese in riferimento al “lento esaurimento della piena nelle ultime sezioni del fiume Po”.

Nella mattinata l’allerta era arancione. L’ondata di maltempo prosegue in Emilia-Romagna con un’allerta arancione che permane sulla pianura emiliana orientale e sulla costa ferrarese per criticità idraulica legata alla propagazione della piena del fiume Po. È quanto emerge dall’ultimo bollettino dell’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile per l’Emilia-Romagna e di Arpae. Il colmo di piena è atteso nelle prime ore di lunedì, 5 novembre, nella sezione di Pontelagoscuro, nel Ferrarese, ma la situazione è sotto controllo.

La piena del fiume Po che sta transitando in queste ore è sostanzialmente una piena ‘normale’ e la situazione è sotto controllo. “La portata d’acqua è di circa cinque-seimila metri cubi al secondo, poco più della metà della ‘piena storica’”, spiega All’Ansa Maurizio Mainetti, direttore dell’agenzia regionale di Protezione civile dell’Emilia-Romagna. “Abbiamo emesso un’allerta arancione – prosegue – ma riguarda solo i Comuni rivieraschi e non il resto dell’area. L’acqua sta transitando con un livello un po’ più alto da Ferrara al mare, ma si sta espandendo nelle aree golenali e non arriva mai all’argine maestro. Procediamo in maniera controllata”. Più che un colmo di piena è corretto parlare di “ripetuti innalzamenti del livello dell’acqua”, dopo le giornate di precipitazioni. Piogge che peraltro sono previste sparse, ma non con fenomeni significativi nelle prossime ore.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu