Trasporto pubblico, la Regione risponde a Tomei: “Abbiamo fatto la nostra parte e anche di più”

autobus mascherina

L’assessore ai trasporti della Regione Emilia-Romagna Andrea Corsini, rispondendo alle considerazioni del presidente della Provincia di Modena Gian Domenico Tomei sulla necessità di potenziare ulteriormente la dotazione di bus nella provincia emiliana, ha difeso l’operato della giunta Bonaccini: “Abbiamo fatto la nostra parte e anche di più: a Modena come in tutti i territori dell’Emilia-Romagna. La Regione e le aziende di trasporto pubblico hanno messo in circolazione tutti i mezzi disponibili sul mercato, tra pubblico e privato, per garantire la ripresa in sicurezza della scuola mantenendo la capienza al 50% come disposto dal governo”.

In tutto, dallo scorso settembre (inizio dell’anno scolastico 2020-2021) ad oggi, sono stati messi in strada quasi 600 mezzi aggiuntivi: “Uno sforzo immenso – ha sottolineato l’assessore Corsini – sostenuto da investimenti per 23 milioni di euro e oltre 7,6 milioni di chilometri aggiuntivi. Non capisco quindi le affermazioni del presidente della Provincia di Modena. Oltretutto, per le proprie caratteristiche, il territorio modenese è quello che ha beneficiato di più risorse, un milione in più rispetto a tutti gli altri bacini”.

Dopo la città metropolitana di Bologna, inoltre, la stessa provincia di Modena è il bacino al quale è stato destinato il maggior numero di mezzi aggiuntivi, 73: “Purtroppo gli autobus non si comprano al supermercato”, ha aggiunto l’assessore, “e Seta, così come tutte le altre aziende del trasporto pubblico locale, ha setacciato il mercato e ha messo a disposizione tutto quello che c’era. E sempre con la massima trasparenza, come anche Tomei sa bene, visto che ha partecipato agli incontri e condiviso ogni scelta presa dal tavolo prefettizio e da quello di monitoraggio che la Regione ha convocato praticamente ogni settimana dall’avvio dell’anno scolastico”.

“Il trasporto pubblico dell’Emilia-Romagna funziona bene – ha ribadito Corsini – e ha retto finora condizioni straordinarie, garantendo il diritto alla mobilità di pendolari, studenti e cittadini fin dall’inizio della pandemia, senza interruzioni. Se la scuola incontra difficoltà per organizzare la propria attività sulla base di turni, temo che non si possa fare altro che prenderne atto. Aggiungo che se il governo non toglierà il vincolo del 50% sulla capienza dei mezzi, come ho già detto in tempi non sospetti, sarà impossibile assicurare la ripresa al 100% delle attività didattiche il prossimo anno scolastico”.

“Mezzi in più disponibili sul mercato non ce ne sono, abbiamo messo in circolazione tutti quelli idonei”, ha concluso l’assessore regionale, riservando un’ultima stoccata a Tomei: “Trovo veramente singolare che chi ha un incarico istituzionale e ha seguito attivamente, nelle varie sedi, tutti gli incontri fatti finora, avanzi richieste che sa già essere impossibili da soddisfare. Non si può misurare e valutare la realtà con le categorie di giudizio delle situazioni normali. Non credo di dover ricordare i contorni del dramma che stiamo tutti vivendo. E trovo singolare che si adombri l’operato di chi ha sempre consentito lo svolgimento regolare dei servizi nonostante lockdown, emergenze e ripartenze”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu