FestivaLove, anteprima a Scandiano

sabrina_impacciatore

Giovedì 13 febbraio prossimo il Cinema Teatro Boiardo ospiterà la serata di presentazione del Festival che si terrà in tarda primavera, una serata completamente gratuita e aperta a tutta la cittadinanza in cui il sindaco Matteo Nasciuti e l’assessore alla cultura Matteo Caffettani lanceranno le prime notizie legate all’attesa kermesse scandianese, tra cui anche i nomi di alcuni ospiti, le date ufficiali e le novità organizzative.

Sindaco e assessore che saranno intervistati, prima della performance teatrale da Giulia Guandalini, giornalista, speaker e dj, intervista che permetterà agli amministratori scandianesi di approfondire le tematiche della quinta edizione del popolarissimo festival.

Madrina d’eccezione, come detto, l’attrice italiana Sabrina Impacciatore, protagonista di moltissime pellicole tra cui “L’ultimo bacio”, “Manuale d’amore” o il recente “A casa tutti bene” di Gabriele Muccino.

Artista davvero poliedrica, la Impacciatore sarà protagonista di un reading tratto da una raccolta di Ovidio, di cui l’attrice interpreterà alcune storie al femminile, in particolare quelle di Didone e Ero, due storie fortemente legate all’amore, storicamente filo conduttore del Festival scandianese.
“Siamo veramente contenti di poter offrire uno spettacolo di questo valore artistico alla cittadinanza – hanno sottolineato il sindaco Nasciuti e l’assessore Caffettani nel presentare l’appuntamento – soprattutto perché crediamo che nel coinvolgimento e nella partecipazione di tutti stia uno dei segreti di un festival che in pochi anni è diventato appuntamento fisso per appassionati di tutte le età e provenienze”.

Il reading. Poco più di duemila anni fa Ovidio scrisse una raccolta di lettere poetiche straordinariamente moderna e originale: “le Eroidi”, una serie di epistole in versi in cui le eroine del mito si rivolgevano ai loro (generalmente non irreprensibili) mariti e compagni, rovesciando il tradizionale punto di vista maschile sulle storie raccontate. Sabrina Impacciatore ha scelto di attingere alla libera reinterpretazione del classico che otto importanti scrittrici contemporanee hanno consegnato al volume “Le nuove Eroidi” leggendo la storia di Didone (di Valeria Parrella) e di Ero (di Ilaria Bernardini).

Sabrina Impacciatore ha lavorato al cinema con illustri registi quali Gabriele Muccino, Ettore Scola, Mel Gibson e Giovanni Veronesi. In teatro ha portato al successo recentemente È stato così, di Natalia Ginzburg, regia di Valerio Binasco (2012) e Venere in pelliccia, di David Ives, regia di Valter Malosti (2016).



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu