Cogne, Franzoni 20 anni dopo nella villetta

villetta-cogne-franzoni

Annamaria Franzoni, assieme con il marito Stefano Lorenzi, hanno trascorso alcuni giorni nella villetta del delitto di Cogne, in Val d’Aosta, nel periodo dello scorso Capodanno. La coppia ha festeggiato la notte di San Silvestro con uno spettacolo di fuochi d’artificio nel cielo dal giardino dell’abitazione.
Sono trascorsi circa vent’anni dall’omicidio di Cogne, quello che vide vittima il piccolo Samuele, era il 30 gennaio 2002.

La notizia è stata riportata dal quotidiano di Torino, La Stampa. Non è la prima volta che la donna torna nella casa di frazione Montroz da quando ha scontato la pena a 16 anni, che sono stati ridotti poi a meno di 11, per l’uccisione del figlio. Dopo essere tornata in libertà, già nel novembre 2018 era stata notata nello chalet da alcuni vicini.

Nel giugno 2021 era terminato il contenzioso tra la famiglia Franzoni e l’avvocato Carlo Taormina con cui la villetta di Cogne rischiava di essere messa all’asta. Il tribunale di Aosta aveva infatti dichiarato estinta la procedura esecutiva, avviata su richiesta del legale che lamentava il mancato pagamento di onorari difensivi per oltre 275 mila euro, divenuti circa 450 mila nell’atto di pignoramento. “I coniugi Franzoni hanno iniziato a pagare”, aveva detto l’avvocato Taormina. La villa era stata dissequestrata il 23 marzo 2013, alla presenza di Stefano Lorenzi. Da allora era tornata nella piena disponibilità della famiglia, fino al pignoramento, poi revocato. Lo scorso 4 febbraio Annamaria Franzoni aveva denunciato nell’aula del tribunale di Aosta l’esistenza di un turismo macabro alla villa di Cogne. Era comparsa in qualità di testimone e parte civile nel corso di un processo per violazione di domicilio a carico di una giornalista e di un telecineoperatore, poi assolti.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu