Appello del maxi-processo Aemilia, si pensa all’aula bunker del carcere della Dozza di Bologna

processo Aemilia

Per celebrare l’appello del maxi-processo contro la ‘ndrangheta “Aemilia”, l’ipotesi attualmente allo studio è quella di ristrutturare l’aula bunker nel carcere della Dozza di Bologna: ad annunciarlo è stato il procuratore generale Ignazio De Francisci durante l’inaugurazione dell’anno giudiziario bolognese.

La proposta di mantenere il processo a Reggio nella stessa aula dove si è celebrato il primo grado del procedimento, infatti, “è stata subito osteggiata con immediatezza e unità d’intenti da ambienti giudiziari e forensi, con motivazioni variegate da me non condivise”, ha spiegato De Francisci.

Da qui l’idea di dirottare il processo nello spazio del carcere bolognese: “La richiesta rivolta al Ministero della giustizia di finanziare le opere è stata accolta con spirito di collaborazione dalla collega Fabbrini, capo dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, e dal collega Mungo, che in quel dipartimento si occupa dell’edilizia. Li ringrazio entrambi, unitamente al capo dipartimento dell’amministrazione penitenziaria Francesco Basentini, che ha assicurato la piena collaborazione”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu