Altri 24 rifugiati ucraini in Italia grazie alle Zebre del rugby

Zebre_Ucraina2

Nella mattinata odierna altre 24 persone ucraine sono arrivate al sicuro in Italia, fuggendo dal conflitto russo grazie al bus organizzato dalle Zebre in collaborazione con l’agenzia viaggi Val D’Enza Tours e il sostegno dei tanti partner che hanno aderito all’iniziativa umanitaria.

E’ il secondo viaggio verso il confine ucraino promosso dalla franchigia parmigiana nel giro di dieci giorni; il club rinnova e rafforza pertanto il proprio impegno e la propria azione nella campagna a favore dei familiari dei giocatori della squadra di rugby di Kiev RC Polytechninc.

Il pullman era partito sabato mattina alla volta della località ungherese di Barabás con a bordo l’infermiere specialista Simone Sciacca del Team Studio Notarpietro e l’interprete Alessia. Questa mattina, verso le ore 7:30, il bus ha concluso il suo viaggio all’Hotel Passacor di Carbonara di Po (MN) dove i 24 rifugiati ucraini saranno momentaneamente ospitati e accolti.

Zebre Rugby Club ringrazia il titolare dell’Hotel Passacor Alessandro Bertolani e tutto il personale della struttura alberghiera per la disponibilità e il sostegno. Un ringraziamento speciale anche al Rugby Mantova 1975, uno dei 120 club affiliati alla Zebre Family, per essersi messo a disposizione verso le necessità delle famiglie ucraine arrivate in Italia.

La Società ricorda infine che è ancora attiva la raccolta fondi a favore delle famiglie dei giocatori del RC Polytechnic. Chiunque potrà donare liberamente sulla piattaforma GoFundMe o sul conto corrente del charity parnter del club Rugby in Ospedale.

Di seguito i riferimenti per la donazione libera:

Iban: IT 20V0200811773000105213095
Intestatario: ASD Rugby Portatori di Sorrisi
Causale: Aiuti umanitari Ucraina

Eventuali disponibilità di accoglienza e ospitalità possono essere comunicate a franchigia@zebrerugbyclub.it o nel gruppo Facebook privato Zebre Rugby Club x RC Polytechnic.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu