Silk Faw a Reggio, altro incontro in Regione: solidarietà per 60 dipendenti

campus Silk-Faw Gavassa vista alto

Un ennesimo incontro in Regione per Silk Faw, il gruppo sino americano che ha promesso di costruire un grande  stabilimento per bolidi elettrici a Villa Gavassa di Reggio Emilia, ma il cui progetto si sta disperdendo in mille rallentamenti.

Oggi a tenere banco sono le sorti di 60 dipendenti della multinazionale dell’automotive. I sindacati, Cgil, Cisl e Uil, hanno chiesto un accordo di solidarietà per i dipendenti del gruppo in attesa che si sblocchi la vicenda.
Il rogito per il terreno sul quale deve sorgere la fabbrica si sarebbe dovuto compiere entro il 5 di agosto scorso, mentre la prima pietra dello stabilimento avrebbe dovuto essere posta il 5 di settembre, ma fino a oggi il programma non è stato rispettato e i tempi sono slittati, mentre sull’intera operazione Silk – Faw si è allungata anche l’ombra di una indagine da parte della Finanza.



Ci sono 3 commenti

Partecipa anche tu

Invia un nuovo commento