Modena. Mobilità sostenibile: 920mila euro per ciclovia e depositi bici

via_emilia_est

Ammonta a 920 mila euro l’investimento complessivo per il completamento della ciclovia che collega, lungo la via Emilia est, il centro cittadino alla prima periferia e per la realizzazione di due depositi protetti per biciclette in piazza Dante, presso la Stazione centrale dei treni, e in piazza Manzoni, a servizio della Stazione piccola.

La Regione Emilia Romagna ha infatti finanziato con un contributo di 460 mila euro, pari al 50 per cento dell’investimento complessivo, entrambi i progetti, per i quali i lavori partiranno nel 2019, presentati dal Comune di Modena, con la collaborazione dell’Ufficio politiche europee e relazioni internazionali, al bando regionale “Realizzazione di ciclovie di interesse regionale e promozione della mobilità sostenibile”, nel quadro del Fondo sviluppo e coesione infrastrutture 2014-2020.

“Entrambi i progetti – commenta l’assessora alla Mobilità sostenibile Alessandra Filippi – favoriscono e sostengono la mobilità dolce, da una parte collegando la periferia al centro cittadino, dall’altra sostenendo il sistema di interscambio treno-bicicletta e si inseriscono con coerenza nel quadro delle previsioni del Pums, il Piano urbano della mobilità sostenibile, in corso di definizione, e del Piano della mobilità ciclabile già approvato”.

Il nuovo tratto ciclabile sarà realizzato da via Caduti sul lavoro, all’altezza del parcheggio dell’Obi e la Fossalta, per una lunghezza di circa 680 metri, e collegherà il tratto già esistente alla Fossalta con quello in corso di realizzazione tra via Caduti sul lavoro e via Fusco, in direzione del centro cittadino. Il costo complessivo dell’opera è di 670 mila euro, la metà dei quali (335 mila euro) finanziati dalla Regione attraverso il bando. “La realizzazione di questo tratto – sottolinea Filippi – è parte integrante della dorsale ciclabile che sviluppandosi lungo via Emilia est ‘ricuce’ la città mettendo in relazione la città con la sua periferia”.

Quest’ultimo percorso completa la ciclovia su via Emilia est (che comprende anche il tratto tra strada Curtatona e via Scartazza per il quale è già stato pubblicato l’avviso di gara), un asse caratterizzato da un’elevata potenzialità ciclabile in quanto la zona interessata dagli interventi è ricca di attività produttive e il nuovo tratto potrà catalizzare spostamenti ciclabili e pedonali casa-lavoro.

Nell’ambito dello stesso bando è stata finanziata (con un contributo di 125 mila euro su un investimento complessivo di 250 mila) anche la realizzazione di due depositi protetti per le biciclette in piazza Dante e in piazza Manzoni, a servizio, rispettivamente, della Stazione ferroviaria centrale e della Stazione piccola.

In piazza Dante, dove sono numerose le richieste di potenziamento degli spazi di sosta in sicurezza per biciclette, sarà realizzato un deposito su due piani con capienza di circa 80 posti bici e accesso tramite chiave meccanica, così da consentirne l’utilizzo anche agli utenti già registrati al servizio di deposito protetto comunale. Con la nuova struttura l’offerta di sosta ciclistica protetta e gratuita nei pressi della stazione, che attualmente è di 162 posti bici, aumenterà del 50 per cento.

In piazza Manzoni, dove la linea ferroviaria regionale Modena-Sassuolo è caratterizzata da spostamenti pendolari di studenti e lavoratori, è prevista invece la realizzazione di un deposito bipiano con capienza di circa 30-40 posti bici, anche in questo caso con accesso mediante chiave meccanica. Il deposito sostituirà quello attuale che con 12 posti bici è poco efficiente in termini di capienza per la domanda di sosta nella zona, aumentando l’offerta di sosta ciclistica protetta e gratuita nei pressi della Stazione piccola di almeno il 250 per cento. L’attuale deposito verrà inoltre ricollocato in un diverso punto della città caratterizzato da una domanda di sosta più contenuta.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu