Il Primo tricolore al campione olimpico di Villa Minozzo Giuliano Razzoli

razzoli_art

Lunedì 31 gennaio 2021, dalle ore 15, nella Sala del Tricolore di Reggio Emilia (piazza Prampolini, 1), il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi e il presidente del Consiglio comunale Matteo Iori conferiranno il Primo Tricolore, principale riconoscimento della città, al campione di sci Giuliano Razzoli.

La cerimonia si svolgerà al termine della discussione e del successivo voto della mozione proposta dalla consigliera Cinzia Rubertelli e firmata da tutti i gruppi consiliari, in cui si chiede al Sindaco di conferire il Primo Tricolore quale riconoscimento degli importanti traguardi sportivi raggiunti e in vista delle Olimpiadi Invernali Beijing 2022, alle quali Razzoli parteciperà in rappresentanza dell’Italia.

Sarà possibile seguire la discussione della mozione e la successiva cerimonia sul canale Youtube (https://www.youtube.com/c/ComuneReggioEmiliaOfficial/live) del Comune di Reggio Emilia.

La partecipazione all’inaugurazione è consentita solo con super green pass e mascherina Ffp2, nel rispetto delle regole sul distanziamento sociale.

BIOGRAFIA DI GIULIANO RAZZOLI. Giuliano Razzoli, originario di Villa Minozzo, ha iniziato a sciare all’età di quattro anni: atleta dell’Esercito, ‘Razzo’ – questo il suo soprannome – è specializzato nello slalom
speciale.

L’esordio nello sport agonistico risale alla stagione 2004-2005 della Coppa Europa. Nel 2006 vince il titolo di campione italiano (slalom) e nel dicembre dello stesso anno esordisce in Coppa del mondo nello slalom dell’Alta Badia. Il 17 febbraio 2007 conquista il primo podio in Coppa Europa, competizione nella quale, tra il 2007 e il 2011, si è aggiudicato 3 vittorie e 6 podi. Tra il 2009 e il 2011 ha collezionato 5 podi e 1 vittoria in Coppa del mondo, il 6 gennaio 2010 a Zagabria.

Il 27 febbraio 2010 arriva il titolo più importante della sua carriera, quello di campione olimpico ai XXI Giochi olimpici invernali di Vancouver in slalom speciale: con questo risultato, l’alloro di campione olimpico in slalom torna in Italia ventidue anni dopo l’oro di Alberto Tomba a Calgary 1988.

Nella stagione 2010-2011 Razzoli ottiene un podio a Kitzbühel e conclude la Coppa del Mondo con un successo nell’ultima prova di Lenzerheide. Ai Mondiali di Garmisch-Partenkirchen conquista il titolo di campione italiano di slalom.

Nella stagione 2014-2015 è tornato sul podio nello slalom di Kranjska Gora (dopo 3 anni e 4 mesi dal suo ultimo piazzamento nei primi 3), ai Mondiali di Sankt Moritz 2017 si è classificato 22º nello slalom speciale; anche due anni dopo, ai Mondiali di Åre, è stato 22º nello slalom speciale, mentre a quelli di Cortina d’Ampezzo 2021 non ha completato lo slalom speciale.

Il 16 gennaio 2022, con il 3º posto conquistato nello slalom speciale disputato sulla Männlichen/Jungfrau di Wengen, ha stabilito il nuovo primato di atleta più anziano a salire sul podio in Coppa del Mondo in tale specialità, fino ad allora detenuto dallo svedese André Myhrer.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu