Ai chiostri di San Pietro di Reggio torna la danza con “Graces” di Silvia Gribaudi

Silvia Gribaudi Inequilibrio ph. Antonio Ficai

Con “Graces” di Silvia Gribaudi, in scena giovedì 29 luglio alle 21.30 ai chiostri di San Pietro di Reggio, si conclude l’estate della ripartenza della Fondazione I Teatri di Reggio, organizzata nell’ambito del cartellone di eventi Restate 2021.

“Graces” è un progetto di performance ispirato alla scultura e al concetto di bellezza e natura che Antonio Canova realizzò tra il 1812 e il 1817. Silvia Gribaudi, negli ultimi anni, si è interrogata sugli stereotipi di genere, sull’identità del femminile e sul concetto di virtuosismo nella danza e nel vivere quotidiano, andando oltre la forma apparente, cercando la leggerezza, l’ironia e lo humour nelle trasformazioni fisiche, nell’invecchiamento e nell’ammorbidirsi dei corpi in dialogo col tempo.

Nello spettacolo l’ispirazione è mitologica: le tre figlie di Zeus – Aglaia, Eufrosine e Talia – erano creature divine che diffondevano splendore, gioia e prosperità. In scena ci sono in questo caso tre corpi maschili, tre danzatori dentro a un’opera scultorea che simboleggia la bellezza in un viaggio di abilità e tecnica che li porta in un luogo e in un tempo sospesi tra l’umano e l’astratto. Il maschile e il femminile si incontrano, lontano da stereotipi e ruoli, liberi, danzando il ritmo stesso della natura.

Sul palco ci sarà anche la stessa Gribaudi, che ama definirsi “autrice del corpo” perché la sua poetica trasforma in modo costruttivo le imperfezioni elevandole a forma d’arte con una comicità diretta, crudele ed empatica, in cui non ci sono confini tra danza, teatro e performing arts.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu