Fondazione per lo Sport del Comune di Reggio, in pensione il direttore Domenico Savino

savino_domenico_fdsport

Dal prossimo primo febbraio, il direttore della Fondazione per lo Sport, Domenico Savino, sarà in pensione.

Il dottor Savino, 64 anni, ha dedicato la maggior parte della sua lunga carriera professionale al mondo dello sport reggiano.

Poco dopo la sua assunzione al Comune di Reggio Emilia nel 1992, fu assegnato al Servizio Sport, in qualità di funzionario amministrativo e in quel Servizio sviluppò la sua carriera e la sua esperienza in un mondo ampio, variegato, a volte complesso ma anche ricco di soddisfazioni, quale è quello dello Sport.

In tale funzione nel 2007 curò l’istituzione della Fondazione per lo Sport del Comune di Reggio Emilia, che segnò una svolta nei rapporti con lo Sport reggiano, a cominciare dall’associazionismo di base, e nella gestione degli impianti sportivi presenti in quantità significativa a Reggio Emilia.

Successivamente venne assunto dalla stessa Fondazione quale direttore, carica che ha ricoperto sino ad oggi.

Al dottor Savino vanno i ringraziamenti del sindaco Luca Vecchi, dell’assessora allo Sport, Raffaela Curioni, e della Fondazione per lo Sport nelle persone del presidente Mauro Rozzi e dei membri del Consiglio di gestione Emanuele Maccaferri, Paolo Bellei, Roberto Montagnani e Lucia Spreafico, per il prezioso lavoro svolto, che ha fatto della Fondazione un punti di riferimento fondamentale sia per il mondo sportivo, sia per il Comune.

Proprio per questo, con l’obiettivo di accrescerne il ruolo ed esprimerne ulteriormente le potenzialità, oggi la Fondazione per lo Sport è oggetto di un processo di rinnovamento degli assetti normativi e organizzativi che ha avuto inizio nello scorso novembre, con l’aggiornamento dello Statuto a cui farà seguito l’aggiornamento del Protocollo d’intesa tra Comune e Fondazione.

Nelle prossime settimane, la Fondazione procederà alla pubblicazione dell’Avviso pubblico per l’individuazione del nuovo direttore, come previsto dal nuovo Statuto. Individuato il nuovo direttore, si procederà alla più generale revisione dell’assetto organizzativo della Fondazione.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu