Bonaccini: Emilia in giallo per colpa dei No vax

bonaccini_a

Lo ha detto il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, intervenendo mercoledì sera su Radio 24: “L’Emilia-Romagna sarà in giallo dal 10 gennaio perché i non vaccinati intasano le terapie intensive”. “In Emilia-Romagna nei reparti di terapia intensiva abbiamo tre quarti dei pazienti che non sono non vaccinati”, spiega Bonaccini aggiungendo che in regione i non vaccinati sono un “decimo dei vaccinati”. “Basta aver fatto la quinta elementare per capire che il rischio per chi non si vaccina è talmente elevato che noi passeremo in gialla la prossima settimana perché i non vaccinati intasano i reparti di terapia intensiva. E noi li curiamo tutti, ci mancherebbe altro”.



Ci sono 2 commenti

Partecipa anche tu
  1. Alice

    INTASATO significato = Otturato, ostruito, ingorgato. Ovvero che non c’è più spazio.
    Ad oggi (vedi link: https://www.agenas.gov.it/covid19/web/index.php ) la percentuale di Posti Letto di Terapia Intensiva occupata da Pazienti Covid−19 in Emilia Romagna è del 16%. Su quali dati si afferma che le terapie intensive sono intasate? Basta aver fatto la quinta elementare per capire che su 100 ipotetici posti, 16 posti sono occupati, ma ne restano altresì 84 vuoti, quindi la parola “intasate” è del tutto fuori luogo e non rappresenta la realtà oggettiva delle cose.
    È mai possibile che tutta questa emergenza sia dovuta a una misera “decima” parte della popolazione dell’Emilia Romagna?
    A proposito di numeri io vorrei sapere (tra le tante cose che non hanno senso):
    1. Quanti posti letto di terapia intensiva avete incrementato dal 2019 ad oggi (come ogni buon governo avrebbe dovuto fare)?
    2. Quante ore di aggiornamento avete fatto ai medici di base per informarli sulle cure tempestive da fornire ai pazienti ai primi manifestarsi dei sintomi (per evitare che arrivino in terapia intensiva)?
    Basta con le menzogne e con l’incitamento all’odio!

  2. Cassandra Credi

    In primo luogo, non so se si tratta di un errore di trascrizione, ma una doppia negazione è un’affermazione, pertanto i tre quarti era vaccinati. Detto questo, quando l’attuale follia di caccia alle streghe (no vax, o meglio, dissidenti) sarà finità le persone che hanno abbracciato la crociata discriminatoria dei cittadini dovranno risponderne se non civilmente o penalmente, sicuramente moralmente.


Invia un nuovo commento