Reggio. Ambiente, Tutino: i Cinquestelle producono parole senza alcuna attenzione ai fatti

tutino_art

L’assessore a Infrastrutture del territorio e Beni comuni al Comune di Reggio Emilia Mirko Tutino in una nota scrive: “Il mio personale parere è che l’attenzione all’ambiente del Movimento 5 Stelle sia sempre di più fatta di parole senza alcuna attenzione ai fatti e senza nessuna riflessione sugli elementi strutturali del Bilancio di un ente locale”.

Scrive Tutino: “Nonostante quel Movimento esprima sia il ministro dell’Ambiente che quello delle Infrastrutture, a Reggio Emilia non arriva un euro in più per il trasporto pubblico e le strategie per risolvere il problema della qualità dell’aria nella Pianura Padana sono lasciate interamente alle Regioni. Lo scorso autunno l’Emilia-Romagna si è trovata sola nel proporre soluzioni più radicali ed innovative di contrasto allo smog, mentre le due Regioni governate dagli alleati del Movimento 5 Stelle, ovvero il Veneto e la Lombardia, sono state libere di abbassare lo standard dei propri interventi senza alcuna opposizione da parte del Ministero.

Ora, di fronte ad un Bilancio che conferma il potenziamento del Minibu già approvato con il progetto Reggio Respira, prosegue sulla strada dello sviluppo delle reti ciclabili del nostro territorio per favorire l’utilizzo delle biciclette, rilancia l’impegno per il progetto Mobike, prevede infrastrutture attese da anni per portare le auto fuori dall’abitato di Rivalta e di Fogliano, prosegue l’impegno per la piantumazione di aree urbane ed a favore della mobilità elettrica, introduce la tariffazione puntuale dopo aver esteso a tutta la città il porta a porta, loro presentano 12 emendamenti al Documento unico di Programmazione, senza nessuna vera proposta che riguardi le risorse economiche.

Davvero la capogruppo Guatteri ed i consiglieri grillini pensano che basti scrivere su una relazione un numero che prevede la riduzione dei rifiuti, perché i rifiuti si riducano miracolosamente nonostante le norme nazionali continuino ad ammettere grandi produzioni di imballaggi?

E’ davvero convinta che basti scrivere che il Comune vuole più monitoraggi dell’aria, affinché l’ente competente – e cioè Arpae che non dipende dal Comune – abbia la dotazione di strumenti e personale per intensificare l’attività di controllo?

Riescono davvero a scrivere, senza che gli scappi da ridere, che il Comune si pone l’obiettivo di riasfaltare tutte le piste ciclabili esistenti, senza le risorse necessarie per la manutenzione?

Il mio personale parere è che l’attenzione all’ambiente del Movimento 5 Stelle sia sempre di più fatta di parole senza alcuna attenzione ai fatti e senza nessuna riflessione sugli elementi strutturali del Bilancio di un ente locale. Come è già stato dimostrato sulle trivellazioni, sui carichi inquinanti ammessi nei terreni, sulle concessioni autostradali, sugli abusi edilizi e su tanti altri argomenti, non deve stupire se – a fronte della bella promessa di rendere l’Italia un paese più attento all’ecologia – si ritrovino sempre ad essere i gregari della Lega Nord, della quale ormai seguono completamente la scia (chimica?)”.



Ci sono 3 commenti

Partecipa anche tu
  1. Giovanni

    In tutto il mondo (civile) biciclette ben più scassate e indecorose sono “abbandonate” ovunque: è in realtà un segno del loro utilizzo. Potrà capitare qualche atto vandalico, ma nel complesso la dispersione sul territorio delle biciclette condivise è la dimostrazione che il servizio funziona. Sulla cementificazione del nostro povero territorio è evidente che non si può continuare a scaricare le responsabilità sulle amministrazioni precedenti. Chi sedeva su quegli scranni e chi ha firmato scartoffie è tutt’ora attivo politicamente o a livello decisionale. Per questo e altri motivi, è tempo di dare aria agli ambienti. Attendo Giugno.

  2. Antitaliano

    Maledette le tue ideone! Le biciclette di Mobike abbandonate ovunque sono uno spettacolo indecoroso; i tuoi amati ciclisti vivono perennemente nella totale mancanza di rispetto per le più elementari norme della circolazione; il tuo partito di mafiosi ha riempito la città di cemento: ed è colpa dei grillini?

    • Lorenzo

      Tutte quelle auto onnipresenti sono anch’esse uno spettacolo indecoroso (e sono ben di più delle Mobike). Non mi sembra che ci sia questa gran protesta al riguardo…
      Eppure se confrontiamo questi due spettacoli indecorosi rispetto a quanto inquinano otteniamo due risultati ben diversi.

      Riguardo la seconda affermazione si può sbagliare, l’importante è correggere il tiro (ad esempio la piantumazione degli alberi, che è trasversale tra PD e M5S). Se così non fosse cosa dovremmo fare con i “grillini” al governo?


Invia un nuovo commento