Vignola. Calci, pugni e schiaffi a ragazza incinta: arrestati il compagno e la madre

violenza domestica lividi

Lo scorso 22 luglio i carabinieri di Vignola hanno arrestato una donna di 50 anni e il figlio di 28 anni, entrambi accusati di aver picchiato, insultato, sottoposto a privazioni e minacciato la compagna del ventottenne per oltre un anno, anche quando la giovane è rimasta incinta.

A fare il primo passo, raccontando ai militari ciò che stava accadendo tra quelle mura domestiche, sono stati i parenti della vittima, secondo i quali la ragazza sarebbe stata costretta a chiedere il permesso alla suocera per qualsiasi cosa, anche soltanto per poter guardare la televisione.

La sera dell’intervento, invece, i carabinieri sono stati allertati dai vicini di casa, che hanno riferito di aver assistito a un’aggressione ai danni della giovane incinta con tanto di calci, pugni e schiaffi; la ragazza, inoltre, sarebbe stata anche colpita con un mestolo da cucina. La vittima, che all’arrivo dei militari presentava evidenti segni delle violenze subite, è stata soccorsa e accompagnata al Policlinico di Modena per essere sottoposta agli accertamenti necessari a valutare le condizioni di salute del nascituro.

Madre e figlio, invece, sono stati arrestati. Nella serata di lunedì 25 luglio, in occasione dell’interrogatorio di garanzia svoltosi in carcere a Modena, entrambi si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. La giudice Elonora Pirillo, in ogni caso, ha convalidato il loro arresto disponendo la misura della custodia cautelare in carcere.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu