Superiori: da giovedì anche a Reggio via alla didattica a distanza, non cambia orario ingresso e uscita

scuola_art

Da giovedì 29 tutte le scuole superiori della provincia di Reggio Emilia attiveranno la didattica digitale integrata, così come previsto dall’ordinanza 205/2020 della Regione Emilia-Romagna che, lunedì 26 ottobre, ha recepito le misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19 contenute nell’ultimo Dpcm.

“Nella nostra regione, come noto, si è deciso di mantenere la percentuale massima di didattica in presenza, ovvero il 25%, e da domani tutte le scuole superiori reggiane attueranno pertanto la didattica a distanza per il 75% delle attività”, annunciano il presidente della Provincia e la vicepresidente con delega alla Scuola, Giorgio Zanni ed Ilenia Malavasi, sottolineando “l’ottimo lavoro che anche in questa occasione, come è avvenuto nel corso dell’estate, è stato svolto insieme a tutti i dirigenti scolastici, che ringraziamo per la tempestività ed il senso di responsabilità con cui hanno collaborato per applicare le norme e, al contempo, garantire la migliore offerta formativa possibile”.

“In tutte le scuole – continuano Zanni e Malavasi – sarà fatto ogni sforzo per garantire la didattica in presenza agli alunni con disabilità certificata, mentre per tutti gli altri saranno i dirigenti, in base all’autonomia scolastica, a decidere in base agli indirizzi, alla specificità del percorso formativo ed agli orari, criteri di rotazione che permettano di rispettare la quota del 75% di didattica a distanza”.

Come noto, tale percentuale può essere raggiunta ruotando sia le classi, sia gli studenti di una singola classe in presenza. Le singole scuole, attraverso i rispettivi siti stanno già dando indicazioni sullo svolgimento delle lezioni a partire dalla giornata di domani, giovedì.

Non saranno in alcun modo modificati, invece, gli orari di ingresso e di uscita dalle scuole per chi sarà in presenza, mentre si ricorda che anche nelle superiori – come per elementari e medie – è fortemente raccomandato l’utilizzo delle mascherine anche in aula.

“Anche in questa occasione, dunque, il sistema scolastico superiore reggiano ha dato prova di grande efficienza”, concludono Zanni e Malavasi, esprimendo comunque ”amarezza per la scelta compiuta con l’ultimo Dpcm e apprezzando la decisione della Regione di non ampliare la didattica a distanza oltre il 75 per cento”, auspicando “che si tratti veramente di una soluzione temporanea, necessaria a contenere la diffusione dei contagi, e che si possa al più presto tornare a una didattica completa in presenza, che rappresenta l’unico modo per fare e garantire una buona scuola”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu