Strage Bologna, Bellini chiede nuova perizia

bellini_paolo_bologna_stazione

L’avvocato Manfredo Fiormonti, legale difensore di Paolo Bellini, ritenuto uno degli esecutori della strage del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna, durante la quarta giornata dell’udienza preliminare del nuovo filone processuale sui mandanti della strage ha chiesto che il gup del tribunale di Bologna Alberto Gamberini disponga una nuova perizia sul video che, secondo l’accusa, proverebbe la presenza di Bellini in stazione il giorno dell’attentato.

“Bellini ha una cicatrice sul volto e la consulenza della procura dice che non è possibile rilevarla da quel filmato, noi invece riteniamo sia possibile saperlo e abbiamo chiesto un accertamento”, ha detto l’avvocato Fiormonti. Nel filmato amatoriale Super 8, già analizzato dalla polizia scientifica di Roma per conto della procura generale, non si nota la cicatrice di un centimetro sotto il labbro inferiore, che Bellini in una breve dichiarazione spontanea aveva ammesso di avere “fin da piccolo”, e che dunque per la difesa dovrebbe essere rilevata se fosse veramente lui la persona immortalata dalle immagini.

Per il legale di Bellini questo elemento sarebbe decisivo per il non luogo a procedere nei confronti del suo assistito. A supporto della richiesta l’avvocato ha depositato anche un frame del video rielaborato con un programma e una foto segnaletica di Bellini, risalente al 1982, nella quale si vede la cicatrice.

Il giudice dell’udienza preliminare deciderà se far svolgere la perizia o meno nel corso della prossima udienza, fissata per il 15 febbraio.

L’ex esponente di Avanguardia Nazionale è ritenuto uno dei possibili esecutori materiali dell’attentato terroristico che il 2 agosto di 41 anni fa costò la vita a 85 persone e nel quale rimasero ferite altre 200 persone. L’ex “Primula nera” è sospettato di essere la quinta persona responsabile della strage, in concorso con gli esponenti dei Nuclei armati rivoluzionari (Nar) già condannati in via definitiva: Giusva Fioravanti, Francesca Mambro, Luigi Ciavardini e Gilberto Cavallini.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu