Shoah. Le celebrazioni del Giorno della memoria a Reggio Emilia

sinagoga-di-reggio-emilia

Mercoledì 27 gennaio ricorre il 76esimo anniversario della scoperta, da parte delle truppe sovietiche dell’Armata Rossa, del campo di concentramento di Auschwitz, oggi celebrato quale ‘Giorno della memoria’ della Shoah.

Alle ore 9.30 alla Sinagoga di via dell’Aquila 3/1, si svolgerà la cerimonia di deposizione di una corona a ricordo degli ebrei deportati da parte del sindaco Luca Vecchi, del presidente della Provincia Giorgio Zanni, del prefetto Iolanda Rolli e del rabbino Beniamino Goldstein che leggerà un salmo. A causa delle restrizioni anticovid, la cerimonia si terrà in assenza di pubblico. È possibile seguire la cerimonia collegandosi ai link: www.youtube.com/comunereggioemiliaofficial/live e www.facebook.com/cittadireggioemilia/live

Per ricordare i tragici eventi legati all’Olocausto e riflettere sul passato e sul nostro presente, sono molte le iniziative promosse da Comune e Provincia di Reggio Emilia in collaborazione con Anpi, Alpi-Apc, Anppia, associazioni Combattentistiche e d’Arma, Cgil, Cisl, Uil, Comunità ebraica di Modena e Reggio Emilia, Comitato democratico costituzionale, Istituto Alcide Cervi, Istoreco, Spazio culturale Orologio, Circolo Arci Pigal, Fondazione Famiglia Sarzi, Istituto superiore di Studi musicali di Reggio Emilia e Castelnovo ne’ Monti “Achille Peri – Claudio Merulo”, Arcigay Gioconda, liceo scientifico Aldo Moro.

mercoledì 27 gennaio, al mattino

La responsabilità della libertà

In occasione del Giorno della Memoria, Officina Educativa offre un’opportunità per riflettere sul tema: “La responsabilità della libertà”, attraverso narrazioni a cura degli educatori e delle educatrici, pensate per le classi seconde e terze delle scuole secondarie di primo grado della città.

Nella mattinata del 27 verrà proposta una narrazione per tutte le classi e i servizi educativi che hanno aderito alla iniziativa, a cui seguiranno conversazioni, confronti e scambi sui temi della libertà di espressione e opinione, il rispetto dell’altro, il valore del dialogo, le differenze nei punti di vista, sulla volontà e capacità di difendere il proprio punto di vista e il coraggio di resistere

I pensieri e le riflessioni dei ragazzi saranno raccolti e documentati come testimonianze dei loro punti di vista e dei loro contributi per restituirli alla città.

I contenuti saranno disponibili sulla pagina facebook di Officina Educativa – www.facebook.com/officinaeducativa

ISTORECO

Mercoledì 27 gennaio, ore 18 (iscrizioni entro il 25 gennaio)

Il memoriale e la sua offerta didattica: come raccontare la Conferenza di Wannsee oggi

Alessandra Fontanesi, responsabile didattica Istoreco Reggio Emilia, dialoga con Flavio Citrigno e Tommaso Speccher, memoriale La villa della conferenza di Wannsee. Le iniziative si svolgeranno su piattaforma zoom. Per iscriversi mandare una mail a segreteriadidattica@istoreco.re.it, una volta ricevuta l’iscrizione, sarà inviato il link per partecipare all’iniziativa.

Conversazioni con l’autore – dirette streaming

Domenica 24 gennaio, ore 17

Primo Levi: guida a “Se questo è un uomo”, Carrocci, 2020

Alberto Cavaglion, Università di Firenze ne discute con Alessandra Fontanesi, Istituto storico di Reggio-Emilia

Venerdì 12 febbraio, ore 17

Nel cantiere della memoria. Fascismo, Resistenza, Shoah, Foibe Viella, 2020

Filippo Focardi, Università di Padova e direttore scientifico Istituto nazionale Ferruccio Parri, ne discute con Roberta Mira, E-Review rivista degli istituti storici dell’Emilia-Romagna in rete

Venerdì 5 marzo, ore 17

I treni dell’accoglienza. Infanzia, povertà e solidarietà nell’Italia del dopoguerra 1945-1948

Bruno Maida, Università di Torino ne discute con Metella Montanari, Istituto storico di Modena

Le dirette streaming visibili sui seguenti canali www.facebook.com/istorecoreggioemilia, www.youtube.com/channel/UC, www.facebook.com/istituto.modena, www.youtube.com/channel/UC1

Informazioni: 0522 437327 staff@istoreco.re.it

Mercoledì 27 gennaio, ore 11

Posa di una nuova “Pietra d’inciampo” davanti alla casa di Pietro Papi, via Roma, Comune di Novellara

L’evento sarà trasmesso sulla pagina di Istoreco www.facebook.com/istorecoreggioemilia

Le iniziative si svolgeranno su piattaforma zoom, per iscriversi inviare una mail a: segreteriadidattica@istoreco.re.it

Mercoledì 27 gennaio

Istoreco lancia una proposta alla cittadinanza: spolvera la memoria, pulisci una pietra d’inciampo!

Istoreco chiede ai reggiani di prendersi cura della storia e quindi di una delle pietre d’Inciampo posate negli anni scorsi nel territorio provinciale.

Informazioni: www.inciampa.re.it – www.istoreco.re.it

ARCIGAY GIOCONDA APS

dal 21 al 27 gennaio

Omocausto. Per non dimenticare nessunə

Installazione museale virtuale liberamente ispirata a “ Omocausto, lo sterminio dimenticato degli omosessuali”. Una riflessione sulle persecuzioni passate e presenti, tramite una serie di post che verranno divulgati quotidianamente tramite i canali instagram e facebook di Arcigay Gioconda. Una sorta di “Museo Social”, quindi di fruizione immediata, in occasione del “Giorno della memoria 2021”.

Informazioni: info@arcigayreggioemilia.it – www.arcigayreggioemilia.it

ISTITUTO ALCIDE CERVI

Le pagine della Memoria. Storie, Ricordi, Testimonianze dal 25 gennaio al 31 gennaio, ore 18

MIC-Memorie in cammino-legge la storia – filmati audio-video

Dall’archivio audiovisivo una selezione di testimonianze per conoscere la storia di donne e uomini che hanno vissuto la persecuzione e la discriminazione degli ebrei.

https://memorieincammino.it/

25 gennaio Franca Polacco – Ricordi d’infanzia: famiglia, scuola, il ghetto di Venezia e le leggi razziali

26 gennaio Lidia Menapace – Le leggi razziali

27 gennaio Elena Ottolenghi – Impariamo a leggere le fonti storiche

28 gennaio Olga Neerman – La fuga da Venezia dopo l’8 settembre

29 gennaio Elena Ottolenghi – L’inaspettato aiuto di una donna fascista

30 gennaio Franca Polacco – L’occupazione tedesca in Italia e l’inizio delle deportazioni razziali

31 gennaio Aldo Izzo – Gli ebrei a Venezia tra il 1943 e il 1945

martedì 26, giovedì 28, venerdì 29, domenica 31 gennaio, ore 9

Parole e fotogrammi della Shoah

Dalla Biblioteca Ragazzi Il Mappamondo e dalla Biblioteca Cervi dell’Istituto alcide Cervi una selezione di libri che hanno ispirato importanti regie cinematografiche. Le parole più toccanti seguono fotogrammi e scene del film. Un montaggio come strumento per la riflessione e l’approfondimento intorno al tema. Le presentazioni sono della durata di circa 15 minuti ciascuna, alle ore 9 per agevolare soprattutto il mondo della scuola.

26 gennaio – Il Pianista

28 gennaio – Il sacchetto di biglie

29 gennaio – Arrivederci ragazzi

31 gennaio – Ogni cosa è illuminata

Lunedì 25, mercoledì 27, sabato 30, ore 9

Voci autorevoli raccontano e leggono la Shoah

Presentazione dei libri attraverso voci autorevoli. Dalla Biblioteca Ragazzi il Mappamondo e dalla Biblioteca Cervi dell’Istituto Alcide Cervi, una selezione di titoli ripercorre alcune delle pagine più toccanti della storia di uomini e donne che hanno vissuto direttamente la persecuzione, la deportazione e lo sterminio degli ebrei.

Filmati audio-video di presentazione,contestualizzazione e lettura di alcuni brani, della durata variabile di circa 15/20 minuti.

25 gennaio Alberto Cavaglion – Docente Universitario di storia dell’ebraismo, scrittore e saggista – Il Gioco dei Regni di Clara Sereni

27 gennaio Frediano Sessi – Docente Universitario di didattica della Shoah e Sociologia della Storia, scrittore e saggista – Auschitz. Storia e memorie

30 gennaio Rita Soncini – Docente di letteratura e Storia presso scuola secondaria di secondo grado – Liliana Segre e il ruolo del Testimone

Sarà possibile partecipare alle iniziative tramite il sito web e canali social ufficiali dell’Istituto Alcide Cervi di Gattatico (RE):

pagina del sito web: https://www.istitutocervi.it/

canale youtube: https://www.youtube.com/c/Istitutocervi.it

pagina facebook: https://www.facebook.com/Museocervi

Informazioni: 0522 678356 – morena.vannini@istitutocervi.it – www.istitutocervi.it

LICEO SCIENTIFICO “ALDO MORO”

Lunedì 25 gennaio e martedì 26 gennaio, ore 8-10

Razza di Stato. Antisemitismo e persecuzione ebraica.

Laboratorio Istoreco incentrato sulle leggi razziali italiane del 1938 che misero in atto la persecuzione razzista e antisemita di concittadini reggiani ebrei parte del fascismo.

Destinatari: alcune classi Terze e Quarte del Liceo “ A. Moro”.

Mercoledì 27 gennaio, ore 9-11

Lazzaro Padoa. Un professore italiano di “razza ebraica”

Conferenza del prof. Antonio Mammi ex docente del liceo Moro e allievo del professor Padoa.

Destinatari: alcune classi Quinte del Liceo “A. Moro”.

A cura di liceo “A. Moro” di Reggio Emilia – promosso da Liceo “A. Moro” di Reggio Emilia in collaborazione con Istoreco di Reggio Emilia

Informazioni: 0522 511699- Simonetta Gilioli ( referente giornata della Memoria del Liceo “A. Moro”)- gilioli.simonetta@liceomoro.net

FONDAZIONE FAMIGLIA SARZI

mercoledì 27 gennaio dalle ore 10 alle ore 22

La bambina dalla Stella Gialla

Spettacolo di attori e burattini ispirato alla testimonianza di Ada Gentile ebrea di Trieste sopravvissuta ad Auschwitz. Il racconto inizia quando nel 1938 le leggi razziali obbligano ad indossare la stella gialla e Ada e la sua famiglia vengono deportati ad Auschwitz. Una produzione della Fondazione Famiglia Sarzi.

Testi di M.Antonietta Centoducati – Regia di G. Binelli

Attori: M. Antonietta Centoducati e G. Binelli

Burattinai: Sabina Ressia e Vittorio Pioli

Musiche: Ovidio Bigi

L’evento sarà disponibile online sulla pagina facebook Fondazione Famiglia Sarzi

www.facebook.com/fondazionefamigliasarzi – www.fondazionefamigliasarzi.it

 

ISTITUTO DI STUDI MUSICALI “PERI-MERULO”

martedì 26 gennaio, ore 10

Auditorium “Gianfranco Masini” – Istituto superiore di studi musicali di Reggio Emilia e Castelnovo né Monti Peri–Merulo – Istituzione Afam

Olivier Messiaen

Dal quatuor pour la fin du temps: 5 – Louange à l’èternitè de Jèsus

Elena Rota, violoncello – Simone Sgarbanti, pianoforte

Composto tra la fine del 1940 e i primi gironi del 1941 nel campo di concentramento di Görlitz, il Quatuor è uno dei lavori più degni di nota del periodo della seconda guerra mondiale, composto da un musicista la cui fede religiosa fu una costante ispirazione, anche nelle circostanze più ardue. Il brano che viene proposto è il 5° brano del quartetto e vede i soli violoncello e pianoforte. Concerto anteprima della stagione L’Ora della Musica inserito nelle iniziative per il Giorno della Memoria 2021.

Il concerto sarà visibile al seguente link: https//www.youtube.com/watch?v=_v81GOaax84

Informazioni: 0522 456711 – direzioneperi@comune.re.it



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu