Sabato è la giornata contro la Sla, a Reggio i ponti di Calatrava si tingono di verde

ponti_calatrava

Anche Reggio Emilia si unisce all’iniziativa dell’Associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica (Aisla), in collaborazione con Anci, “Coloriamo l’Italia di verde” per sensibilizzare sulla Sla, grave malattia neurodegenerativa progressiva che colpisce i motoneuroni, cioè le cellule nervose cerebrali e del midollo spinale che permettono i movimenti della muscolatura volontaria. Per l’occasione, nella notte tra sabato 18 e domenica 19 settembre i Ponti di Calatrava e la fontana di piazza Martiri del 7 Luglio, davanti al teatro municipale Valli, si tingeranno di verde, colore simbolo di Aisla e, soprattutto, della speranza per arrivare a sconfiggere la Sla, malattia ad oggi ancora inguaribile.

La 14eima edizione della Giornata nazionale Sla, promossa dall’Aisla (Associazione italiana Sclerosi Laterale amiotrofica), si celebra anche in Emilia-Romagna il 18 e 19 settembre con una serie di appuntamenti “per non far cadere nel silenzio i bisogni e le necessità delle famiglie che affrontano la sfida di questa malattia”. L’invito a tutti è quello di contribuire alla campagna e accendere una luce nella notte di sabato 18 settembre.

Con la determinazione di voler cambiare la storia di questa malattia ancora inguaribile, Aisla accende i riflettori sulla necessità di continuare a finanziare la ricerca scientifica; sul bisogno di attuare modelli solidi di assistenza in ambito sociale e socio-sanitario; sul diritto di garantire l’accesso di una presa in carico ospedaliera e territoriale capace di rispondere alla complessità della malattia.

Oltre seimila persone in Italia convivono con la Sla, malattia neurodegenerativa grave. In Emilia Romagna, Aisla è il punto di riferimento per circa 450 malati e per le loro famiglie. Presente sul territorio dal 1996 con la prima sede nata a Modena, oggi ha otto presidi territoriali: la neo-nata Ravenna; Forlì-Cesena; Ferrara; Parma; Piacenza; Reggio Emilia e Rimini.
Sabato 18 settembre, grazie alla sensibilità di Anci, Associazione Nazionale Comuni Italiani, centinaia di monumenti in tutt’Italia si illumineranno di verde; l’invito che Aisla rivolge a tutti è quello di accendere ognuno sulle proprie finestre e balconi di casa una luce verde, “quale segno di omaggio al coraggio dei concittadini che lottano contro questa malattia”. Domenica 19, a fronte di una donazione minima di 10 euro, sarà possibile ricevere una delle 13.500 bottiglie rese disponibili grazie al contributo di Regione Piemonte, Consorzio Barbera d’Asti e vini del Monferrato, Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, Unione Industriale della Provincia di Asti e della Camera di Commercio di Alessandria-Asti. In Emilia-Romagna nel weekend sono programmati appuntamenti e banchetti a Bologna (Baragazza di Castiglione dei Pepoli), Ravenna, Forlì, Ferrara, Modena, Parma e provincia, Piacenza e Reggio Emilia.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu