Reggio. Festival Aperto ai Chiostri di San Pietro con Collettivo Cinetico e Sciarroni

00 Dialogo Terzo IN A LANDSCAPE @ Alessandro Sciarroni

Venerdì 16 e sabato 17 ottobre “Dialogo terzo: in a landscape” è il titolo, che si ispira all’omonimo brano di John Cage, per una danza cosmica e ipnotica, che indaga il fascino misterioso della ripetizione.

Alessandro Sciarroni realizza un brano coreografico per CollettivO CineticO, la compagnia di danza diretta da Francesca Pennini, dal titolo “Dialogo terzo: in a landscape”, in scena nell’ambito del festival Aperto Reggio Emilia venerdì 16 ottobre, ore 19, e sabato 17 ottobre, ore 18, ai Chiostri di San Pietro.
Il titolo prende ispirazione dall’omonimo brano di John Cage, composto per «calmare la mente e aprirla a influenze divine» ed è eseguito sulla scena dal performer e musicista Stefano Sardi.


I danzatori di Collettivo Cinetico imbracciano hula hoop azzurri e creano una danza cosmica e universale, quasi ipnotica, una danza di numeri e proporzioni, che indaga il fascino misterioso della ripetizione.
“Con il CollettivO CineticO – spiega Alessandro Sciarroni – per ora ci stiamo allenando a una nuova pratica. Come nei miei altri lavori c’è sempre qualcosa di leggero e misterioso nell’ostinazione della ripetizione, qualcosa che sembra avere un’energia opposta rispetto alla pazienza, alla fatica, e all’ostinazione dell’azione che stanno compiendo. Ma questa volta mi sembra di riuscire a vedere anche dell’altro. Mi sembrano delle figure tutte tese verso ciò che pare somigliare ad un sentimento di serena determinazione che tende ad una sparizione: un’estinzione volontaria del soggetto. Un atto d’amore estremo. La scelta di una dipartita definitiva. Ma ammetto che il mio sguardo non sia oggettivo”.

Alessandro Sciarroni è un artista italiano attivo nell’ambito delle Performing Arts con alle spalle diversi anni di formazione nel campo delle arti visive e di ricerca teatrale. Nel 2019 gli viene assegnato il Leone d’Oro alla carriera per la Danza. Nei suoi lavori fa ricorso ad un impianto teatrale e unisce pratiche derivanti della danza e da altre discipline come il circo e lo sport. Oltre al rigore, alla coerenza e alla nitidezza di ogni creazione, i suoi lavori tentano di disvelare, attraverso la ripetizione di una pratica fino ai limiti della resistenza fisica degli interpreti, le ossessioni, le paure e la fragilità dell’atto performativo, alla ricerca di una dimensione temporale altra, e di una relazione empatica tra spettatori e interpreti. Le sue creazioni sono state presentate in tutta Europa, in Nord e Sud America, Medioriente e Asia. Nel 2019 gli viene assegnato il Leone d’Oro alla carriera per la Danza.

CollettivO CineticO è fondato nel 2007 dalla coreografa Francesca Pennini e coinvolge oltre 50 artisti provenienti da discipline diverse. La ricerca del collettivo indaga la natura dell’evento performativo con formati al contempo ludici e rigorosi che si muovono negli interstizi tra danza, teatro e arti visive. I lavori sono stati presentati in gran parte dell’Europa, in Usa e in Corea. È compagnia residente del Teatro Comunale di Ferrara e all’oggi ha prodotto 51 creazioni ricevendo numerosi premi tra cui: Premio UBU 2017 come Miglior Spettacolo di Danza, Premio Hystrio Iceberg 2016, Premio Danza&Danza 2015 a Francesca Pennini come miglior coreografa e interprete, Premio Rete Critica 2014 come miglior artista.

Venerdì 16 ottobre, ore 19, sabato 17 ottobre ore 18 – Chiostri di San Pietro

DIALOGO TERZO: IN A LANDSCAPE
coreografia e regia Alessandro Sciarroni
azione e creazione Simone Arganini, Margherita Elliot, Carmine Parise, Angelo Pedroni, Francesca Pennini, Stefano Sardi musiche John Cage, Stefano Sardi costumi Ettore Lombardi

coproduzione CollettivO CineticO, Festival Aperto / Fondazione I Teatri – Reggio Emilia, Teatro Comunale di Ferrara, Operaestate Festival Veneto/CSC, Marche Teatro, Centrale Fies / Art Work Space
con il sostegno di MIBACT, Regione Emilia Romagna



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu