Reggio. Addio a Giuseppe Procaccia, ispettore tenace e gentile

procaccia

E’ morto l’ispettore Giuseppe Procaccia, 83 anni, un gentiluomo di spirito tenace, inflessibile e arguto investigatore.
L’ex dirigente e capo della Squadra Mobile della Questura di Reggio Emilia si è spento l’altra notte nella frazione di Villa Massenzatico al termine di una malattia.
Nel corso della vita aveva trascorso 40 anni nella polizia e per 31 era stato alla Mobile che arrivò poi a comandare e che lo portò a investigare su una stagione di crimini e delitti che a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta erano cresciuti in modo notevole nella provincia di Reggio Emilia.

Ispettore e uomo tutto di un pezzo il Cavaliere e Ufficiale del lavoro Giuseppe Procaccia era apprezzato per la sua umanità e i suoi modi garbati e gentili, riconosciuti da tutti. Amava la famiglia e il suo lavoro. Chi lo ha conosciuto ne ha presente il senso dell’ospitalità e il piacere delle serate passate in compagnia, magari davanti a un piatto di pesce che gli riportava alla mente l’amore per il mare, e lo ricorderà come una persona forte di animo e perbene.

Giuseppe Procaccia lascia la moglie Rosa, come lui abruzzese, i figli Danilo e Francesca e i nipoti Alice e Gabriele.

I funerali avranno luogo venerdì 8 marzo: partenza dalla camera ardente del cimitero di Coviolo, poi alle 15.30 il rito funebre in San Pietro. Le spoglie dell’ispettore riposeranno nel cimitero di Villa Rivalta.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu