Perché Israele non fornisce armi all’Ucraina

Zelensky Israele Knesset

Parte da oggi su 24Emilia “Guerra&Pace“, una nuova rubrica incentrata sulle relazioni tra Ovest ed Est alla luce del conflitto in atto in queste settimane in Ucraina, che sta coinvolgendo – oltre alla Russia – anche l’Europa e l’intero Occidente.

* * *

Fonte: RIA Novosti

Mosca, 19 aprile – RIA Novosti, Dmitry Ermakov. Kiev è insoddisfatta: Israele rifiuta di aiutare con le armi e non impone sanzioni contro Mosca. Uno dei motivi di tale moderazione è il legame di sangue con le parti in conflitto. Anche la situazione in Siria gioca un ruolo: senza le truppe russe in quel Paese, i militanti islamisti sarebbero più attivi. RIA Novosti ha provato a capire cosa rende Tel Aviv neutrale e se parteciperà al processo di negoziazione.

Nessuna eccezione per Kiev

Israele, insieme a Turchia e Bielorussia, si sta proponendo come mediatore nel conflitto russo-ucraino. Il ministro delle finanze Avigdor Lieberman ha spiegato: “Abbiamo una posizione morale e interessi politici storicamente stabiliti”.

Il primo ministro Naftali Bennett è uno dei pochi leader filo-occidentali che comunica regolarmente sia con Vladimir Putin che con Volodymyr Zelensky. A marzo Bennett ha visitato Mosca per discutere, tra le altre cose, dell’operazione militare speciale russa. Non ci sono state dichiarazioni ufficiali: l’Ucraina si aspettava di più. Allo stesso tempo, Israele non ha annunciato sanzioni anti-russe e si è rifiutato di fornire armi a Kiev.

L’Ucraina ha cercato di insistere sulle proprie posizioni. Alla fine di marzo il consigliere presidenziale Sergey Shefir, la vice della Verkhovna Rada Olga Vasilevskaya-Smaglyuk e l’ex ambasciatore a Tel Aviv Gennady Nadolenko sono volati in Israele. Si sono incontrati con il ministro degli esteri Yair Lapid. Tuttavia, il capo del governo non ha ritenuto necessario ricevere gli inviati di Zelensky.

Secondo il quotidiano Haaretz, i delegati di Kiev hanno cercato di negoziare la fornitura di armi con uomini d’affari privati. Ma tali contratti sono possibili solo con il permesso del Ministero degli affari esteri e del Ministero della difesa. Fonti dei ministeri hanno affermato che non verranno fatte eccezioni.

Inoltre Israele non ha ancora confermato di essere pronto ad agire come garante della sicurezza nell’ambito di un possibile accordo internazionale dopo la fine delle ostilità. Ciò è stato richiesto dalla parte ucraina durante le comunicazioni con i media israeliani.

Secondo un sondaggio condotto dall’Israel Democracy Institute, la maggioranza dei residenti (67%) sostiene l’Ucraina. Ma non tutti vogliono un’azione decisiva da parte del governo. Solo il 22% è favorevole alla fornitura di armi, il 60% è contrario all’adesione alle sanzioni anti-russe dell’Occidente. Allo stesso tempo, ci sono armi israeliane in Ucraina: vengono inviate dall’Europa.

Miliardi russi

I legami storici dello stato ebraico con lo spazio post-sovietico sono considerevoli. Su oltre nove milioni di israeliani, circa il 13% è rappresentato da immigrati o discendenti di immigrati dall’ex Unione Sovietica. Principalmente dalla Russia e dall’Ucraina.
Alcuni, tra cui Avigdor Lieberman o il ministro dell’edilizia Zeev Elkin, sono importanti figure politiche. Inoltre cinque dei tredici primi ministri, compreso il fondatore dello stato israeliano David Ben Gurion, sono nati nell’impero russo o nell’Unione Sovietica. Per la campagna di rielezione di Benjamin Netanyahu nel 2019 è stata usata una sua foto con Vladimir Putin.

Anche gli uomini d’affari legati al Cremlino svolgono un ruolo politico e sociale importante nel paese. Tra questi c’è Roman Abramovich, un miliardario soggetto a sanzioni del Regno Unito e dell’Unione Europea. Allo stesso tempo, è un importante filantropo per Israele. Secondo il New York Times, almeno altri quattro miliardari israeliani di lingua russa sono stati sottoposti a misure restrittive per i legami con Mosca. Nel paese, a giudicare dai media locali, “qualche dozzina” di oligarchi russi con doppia cittadinanza hanno chiesto asilo.

Ma anche il legame di Israele con l’Ucraina, dove vivono ancora molti ebrei, è forte. Ad esempio Igor Kolomoisky, un oligarca ucraino considerato uno sponsor della campagna elettorale di Zelensky, è cittadino israeliano. Anche lo stesso presidente dell’Ucraina è ebreo.

Non sorprende che Israele abbia ripetutamente espresso sostegno all’Ucraina durante l’operazione militare speciale. Ha inviato aiuti umanitari, ha aperto un ospedale da campo nell’ovest del paese. I membri del governo hanno ripetutamente sostenuto un cessate il fuoco anticipato.

Ad aprile Israele si è unito agli stati che hanno votato per escludere la Russia dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite. Il Ministero degli esteri russo ha condannato la posizione di Tel Aviv e il duro discorso del ministro degli affari esteri del paese, Yair Lapid: “Questo è un tentativo di sfruttare la situazione intorno all’Ucraina per distogliere l’attenzione della comunità internazionale da uno dei più antichi conflitti irrisolti, quello israelo-palestinese”, ha affermato il Ministero degli esteri russo in una nota.

Quota sui rifugiati

Tuttavia Tel Aviv non sembra pronta per un’azione più decisa. Naftali Bennett tende a evitare critiche dirette alla Russia, lasciando Yair Lapid a fare le dichiarazioni dure. Ma anche lui mostra cautela diplomatica. Pertanto ha invitato la Cina a partecipare al processo di pace, indicando così che Israele non lo farà da solo.

Alla fine di marzo la dirigenza israeliana ha incontrato diplomatici di alto rango provenienti da quattro paesi arabi e dagli Stati Uniti. Il segretario di Stato Usa Anthony Blinken, che era presente, ha esortato gli alleati mediorientali a unirsi agli sforzi americani per isolare la Russia. Ma né Israele né gli altri partecipanti al vertice hanno cambiato posizione.

Secondo analisti stranieri, Tel Aviv sta cercando di evitare sentimenti antisemiti sia in Russia che in Ucraina. Allo stesso tempo le organizzazioni di destra israeliane non sono contente dell’arrivo dei rifugiati ucraini. I politici nazionalisti sostengono che l’afflusso di non ebrei nel paese potrebbe indebolirne l’identità. Ne ha parlato, ad esempio, Bezalel Smotrich, leader del blocco Tkuma-Ihud Leumi; tuttavia il suo punto di vista è considerato radicale dalla comunità ebraica mondiale già da tanto tempo.

Secondo l’Autorità per l’immigrazione, quasi 15.000 rifugiati dall’Ucraina sono arrivati ​​in Israele dall’inizio del conflitto. Il ministro dell’interno Ayelet Shaked, che è anche di destra, ha annunciato: Israele permetterà ai non ebrei ucraini che sono già nel paese di rimanere fino alla fine delle ostilità e aprirà i confini per altri cinquemila. Yair Lapid insiste che accogliere di più è un dovere morale: “Non chiuderemo le nostre porte e i nostri cuori. Israele ha nove milioni di abitanti e diverse migliaia di rifugiati non danneggeranno l’identità ebraica”. Shaked, in seguito, ha aggiunto che a tutti gli ucraini che hanno parenti in Israele sarà consentito l’ingresso temporaneo. Allo stesso tempo, Tel Aviv sta cercando di sostenere gli ebrei rimasti in Ucraina.

“Le sanzioni sono irragionevoli”

Un altro motivo della neutralità israeliana è il confine con la Siria, sul cui territorio operano gruppi islamisti. Tel Aviv ha bisogno di una partnership con Mosca: le truppe russe stanno frenando i piani aggressivi dei militanti.

Nel frattempo, il confronto militare di Israele con gli stati arabi e l’Iran sta entrando di nuovo in una fase calda. C’è un’ondata di terrore islamista nel paese: da metà marzo sono morte 14 persone. Tel Aviv ha risposto duramente, secondo la tradizione. Il 9 aprile l’aviazione israeliana ha effettuato massicci attacchi aerei su obiettivi del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche iraniane in Siria.

“Politologi, ministri e capi di stato mi spiegano costantemente: abbiamo la Siria al nostro fianco”, ha detto Natan Sharansky, ex dissidente originario del Donbass, poi politico israeliano: “L’Occidente ha dato a Putin le chiavi del cielo sopra di essa. Pertanto non abbiamo altra scelta se non quella di raggiungere un’intesa strategica con la Russia”.

L’ex consigliere del primo ministro israeliano per le questioni di sicurezza nazionale, Yakov Nagal, ha sottolineato che il coordinamento con la Russia in Siria è di fondamentale importanza per l’esercito israeliano. E per partecipare al conflitto ucraino, lo stato ebraico è troppo piccolo.

Circa il 30% degli israeliani ritiene che gli sforzi di mediazione di Naftali Bennett e di Yair Lapid saranno in grado di porre fine al conflitto in Ucraina. Queste statistiche sono state pubblicate dall’Israel Democracy Institute. Ma il politologo Avigdor Eskin dubita che i sondaggi siano indicativi: i residenti del paese sono male informati sugli eventi reali in Ucraina e sulle opportunità di negoziazione.

“Allo stesso tempo, Israele ha assunto una posizione di principio di non allineamento con le sanzioni e di rifiuto di fornire armi all’Ucraina. Ciò è diverso da tutti gli Stati dell’Ue, inclusa la Turchia, che invia a Kiev i droni che si sono mostrati efficaci in Karabakh”, ha detto Eskin in un’intervista a RIA Novosti. “Pertanto Israele è un mediatore più affidabile dei paesi direttamente coinvolti nel conflitto. “Gerusalemme” significa “Città della pace” (secondo una versione – ca. ed.), e sarebbe una buona scelta simbolica per i negoziati”.

Eskin ha inoltre ricordato che dopo il crollo dell’Urss la Russia non ha mai preso parte alle sanzioni contro Israele: “Si è sviluppato un rapporto di fiducia tra Bennett e Putin. Israele è riuscito persino a mantenere la sua posizione, nonostante le richieste degli Stati Uniti, il che non è banale. Zelensky, invece, si è rivolto alla Knesset e ha ricordato che gli ucraini hanno aiutato gli ebrei durante l’Olocausto, ma questa retorica ha avuto il risultato opposto. Parte della società ucraina, anche se più piccola, ha agito in modo abbastanza diverso allora”, ha osservato Eskin.

“Vogliamo l’amicizia con entrambe le parti e un cessate il fuoco. Ma le sanzioni come strumento sono irragionevoli, peggiorano le cose per tutti e non influiscono in alcun modo sulla situazione”, ha aggiunto il politologo.

Tuttavia, se Israele subentrerà nella missione di mantenimento della pace, non lo farà nei prossimi giorni: a giudicare dalle dichiarazioni di Putin e Zelensky, i negoziati sono giunti in un vicolo cieco. Eppure Israele ha delle possibilità. Il ministro degli affari esteri non ha sostenuto Mosca all’Onu, ma anche la Russia si è opposta più di una volta a Israele su questa piattaforma. Tuttavia le decisioni nel paese non sono prese dal Ministero degli esteri, ma dall’ufficio del primo ministro.



C'è 1 Commento

Partecipa anche tu

Invia un nuovo commento