Un set a cielo aperto, progetto turistico della Bassa reggiana e parmense

Un viaggio attraverso le province di Reggio Emilia e Parma con i riflettori accesi sui set a cielo aperto di film iconici, da “Don Camillo” a “Novecento”, da “La voce della Luna” fino al più recente “Volevo nascondermi”.

Domenica è stato lanciato sui canali social “MOVIE-MENTO”, un video di promozione turistica del territorio della Bassa Reggiana e Bassa Parmense con un percorso che tocca i luoghi scelti da grandi registi come set per i loro indimenticabili film. Da ‘Don Camillo’ a ‘Novecento’, da ‘Ligabue’ a ‘La voce della Luna’, fino al recente “Volevo nascondermi”. A fare da “guide” speciali in questo suggestivo itinerario nel segno del cinema ci sono Giovanni Guareschi, Cesare Zavattini, Antonio Ligabue, Luciano Ligabue e il regista Bernardo Bertolucci ma nel video vengono ricordati molti altri personaggi, tra cui celebri stilisti e costumisti, Umberto Tirelli, Danilo Donati, Maurizio Millenotti e Pierluigi Pizzi, che hanno realizzato magnifici abiti di scena. Un viaggio, dunque, che non prevede solo riferimenti ai luoghi fisici che hanno fatto da sfondo ai film, ma valorizza anche l’eccellenza dell’alta sartoria del costume teatrale e cinematografico.

DCIM100MEDIADJI_0059.JPG

Una vera e propria movie-map nelle province reggiana e parmense per conoscere i luoghi che tra le sponde del Po e le sconfinate pianure si sono trasformati in set cinematografici e che oggi possono diventare mete interessanti alla scoperta di sapori, tradizioni, cultura e attività outdoor. L’itinerario si può fare a piedi, in bici o in macchina e si può personalizzare a piacere grazie alla suddivisione in quattro sotto percorsi.

DCIM100MEDIADJI_0049.JPG

Il video, prodotto da e-borghi, brand volto alla valorizzazione del turismo lento e dei borghi italiani, è stato realizzato nell’ambito del progetto PTPL 2021 (Programma Turistico di Promozione Locale) dal titolo “Gira un Po nella Bassa: percorsi culturali e outdoor nei territori della Bassa Reggiana e Bassa Parmense”, che vede come ente capofila l’Unione Bassa Reggiana e coinvolge, oltre agli otto comuni reggiani (Boretto, Brescello, Gualtieri, Guastalla, Luzzara, Novellara, Poviglio, Reggiolo), anche alcuni comuni della bassa parmense: Busseto, Colorno, Polesine Zibello, Roccabianca, San Secondo Parmense, Sissa Trecasali e Sorbolo Mezzani. Ed è proprio questa collaborazione tra territori vicini e simili tra di loro per caratteristiche culturali e ambientali, ma portatori di identità e storie specifiche, a rendere innovativo il progetto.

“In continuità con le attività di Parma 2020-2021 ed Emilia 2020-2021, il piano di promozione turistica dell’Unione Bassa Reggiana – afferma la presidente Camilla Verona – ha puntato su cultura, enogastronomia e turismo outdoor, collaborando per la prima volta con i territori della vicina provincia parmense in un’ottica di sistema sempre più ampio, integrato e connesso, facendo leva su aspetti che accomunano i nostri territori in un’ottica di cooperazione sovra provinciale”.

DCIM100MEDIADJI_0148.JPG

“Non era scontato vedere i comuni della bassa reggiana e parmense lavorare insieme – aggiunge Elena Benassi, sindaco di Brescello con delega alla Promozione Turistica e Marketing Territoriale nella Giunta dell’Unione Bassa Reggiana – Lo hanno fatto egregiamente su un progetto, cofinanziato da Destinazione Turistica Emilia, che valorizza sia il rapporto tra la ‘settima arte’ e il territorio della Bassa, sia il connubio tra il paesaggio e i suoi prodotti enogastronomici. In Movie-mento, un viaggio nel cinema tra Reggio Emilia e Parma, emergono i luoghi, le atmosfere, le memorie, le suggestioni che hanno ispirato e condotto registi, artisti, scrittori lungo gli argini del Grande Fiume, le piazze, i portici, le rocche, le cascine della nostra terra. Il rapporto fra il cinema e il territorio siamo soliti valutarlo guardando al passato, alle storie, ai registi e agli attori che hanno frequentato le nostre terre, questo progetto ci spinge invece ad avere uno sguardo al futuro e a valutare tutto ciò che si è prodotto nell’ambito letterario, artistico e cinematografico come uno strumento per disegnare un domani integrato e coeso dei nostri comuni e del nostro territorio. Un ringraziamento speciale è indirizzato a tutti coloro che hanno partecipato e contribuito alla realizzazione del prodotto finale e di quello che scaturirà da questa iniziativa”.

LA CULTURA COME LUOGO DI BENESSERE, LIBERTÀ E DEMOCRAZIA

“La risposta concreta che vogliamo dare a sostegno del turismo – ribadisce Camilla Verona, sindaco di Guastalla e presidente dell’Unione Bassa Reggiana – muove i primi passi proprio dalla dimensione culturale del nostro territorio e dei territori a noi vicini che presentano caratteristiche comuni. La cultura è benessere per la comunità, veicolo di sviluppo sociale ed economico, luogo di libertà e democrazia, spazio e tempo di inclusione e di crescita individuale e collettiva. La cultura rappresenta un elemento cardine del nostro piano di promozione, in quanto, intesa in senso ampio, non è solo il fine da trasmettere ma il motore vero e proprio che fa muovere un territorio”.

“Il video Movie-mento – continua Verona – offre ai turisti che desiderano visitare i nostri luoghi un’ottima possibilità per conoscere e vedere in anteprima le bellezze che li qualificano e li contraddistinguono. Infatti, seppur così vicini tra di loro, le nostre cittadine hanno ognuna una forte peculiarità che merita di essere conosciuta e apprezzata. È questo che ha condotto da noi celebri registi per girare film che sono passati alla storia”

Se questo primo step ha messo in primo piano la dimensione culturale, una seconda linea di intervento sarà dedicata al turismo outdoor con la creazione di un itinerario ciclabile che collega i comuni della bassa reggiana e i territori della bassa Parmense. Oltre al video Movie-mento, infatti, è prevista la realizzazione di un secondo video incentrato sul percorso “BI-CI-BO. Bici e Cibo”, il connubio perfetto in una terra ricca di sapori.

PROPOSTE DI TURISMO SLOW: ARTISTICO-CULTURALE, ENOGASTRONOMICO E NATRALISTICO

Seguendo la storia e la tradizione degli otto comuni dell’Unione Bassa Reggiana, insieme ai sette della provincia di Parma, il PTPL 2021 ha delineato alcuni prodotti turistici comuni che saranno sviluppati per aumentare la capacità attrattiva delle terre del Po:

● Turismo storico-culturale: tutti i comuni coinvolti hanno origini antiche legate spesso a nobili famiglie che hanno portato opere e infrastrutture importanti nel territorio.

● Turismo delle arti e dello spettacolo: questo territorio vede un’importante tradizione artistica, vanta un ricco patrimonio di teatri ed è contraddistinto da una forte tradizione di musica popolare e lirica. Verdi, Guareschi, Ligabue, Tirelli e Zavattini sono solo alcuni dei nomi noti. Brescello è conosciuto a livello internazionale come set cinematografico dei film di Don Camillo e Peppone. Guastalla e altre località sono state scelte come set per la realizzazione di film e serial nel corso degli ultimi anni.

DCIM100MEDIADJI_0041.JPG

● Turismo enogastronomico: il territorio coinvolto nel progetto offre molti prodotti enogastronomici conosciuti a livello internazionale, come il Parmigiano Reggiano e l’aceto balsamico tradizionale di Reggio Emilia, il Parmigiano Reggiano delle vacche rosse, la cipolla Borettana, la prugna Zucchella, il Lambrusco di uva Fogarina, l’anguria reggiana…

● Turismo naturalistico e sportivo: tutto il territorio su cui si attua il progetto conta diverse piste ciclabili, itinerari immersi nella natura circondati, zone ambientali protette, sentieri e percorsi pedonali. Un territorio ideale per la creazione di itinerari di turismo ciclo-fluviale.

DIMENSIONE TERRITORIALE DEL PROGETTO PTPL 2021

L’Unione dei Comuni Bassa Reggiana ha 72.000 abitanti e un’estensione di 316 kmq. Cinque degli otto comuni costituenti l’Unione sono comuni rivieraschi sulle sponde del Po: Boretto, Brescello, Gualtieri, Guastalla e Luzzara, mentre i restanti tre sono nell’entroterra (Novellara, Poviglio e Reggiolo) ma hanno una storia e una conformità territoriale strettamente connessa al Grande Fiume e alle acque. La dimensione territoriale del progetto per l’anno 2021 ha visto però coinvolti altri 7 comuni del parmense: Busseto, Colorno, Polesine Zibello, Roccabianca, San Secondo Parmense, Sissa Trecasali e Sorbolo-Mezzani. L’Intero progetto allora si inserisce in un territorio di 712 kmq per un totale di circa 120.000 abitanti.

DCIM100MEDIADJI_0058.JPG

IL VIDEO MOVIE-MENTO

Il video, per la regia di Giuseppe Falagario, è stato prodotto da e-borghi, un brand edito dalla 3S Comunicazione volto alla promozione e valorizzazione del turismo lento e dei borghi italiani. La visione del video sarà disponibile da domani su e-borghi.com, sulla pagina Facebook e sul canale YouTube di e-borghi, poi rilanciato su tutti i social dei comuni coinvolti.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu