Oltre 10 ore per salvare tre escursionisti dispersi sui Gessi Triassici (video-foto)

escursionisti_a

Alle ore 15.15 di venerdi 4 novembre, il Soccorso Alpino è stato attivato dalla Centrale Operativa 118 per un gruppo di escursionisti stranieri che, a seguito della perdita di orientamento sul sentiero Spallanzani (zona Gessi Triassici, Villa Minozzo di Reggio Emilia), si sono trovati in una situazione pericolosa. L’intervento di recupero si è concluso questa notte all’1.30 circa.

I tre escursionisti (una donna di origine tedesca, una donna di origine inglese e un uomo di Malta) nella giornata di venerdì si trovavano sul sentiero Spallanzani quando hanno perso l’orientamento e sono finiti fuori sentiero, scivolando per diversi metri.

A seguito della caduta e dei metri di dislivello persi, hanno deciso di scendere ancora lungo il pendio, sperando di trovare un terreno migliore, ma, lungo il tratto intrapreso, una delle donne è caduta a terra procurandosi un trauma all’arto inferiore. A quel punto è scattata la chiamata al 118, che ha attivato il Saer e sul posto è giunta una squadra della stazione monte Cusna per il recupero dei dispersi.

La zona in cui si trovavano gli escursionisti era molto impervia: sotto di loro si trovava un salto di roccia di circa 80 metri, per cui era impossibile calare gli escursionisti verso valle. I tecnici del Soccorso Alpino, specificamente addestrati per questo tipo di interventi, hanno così optato per impostare le manovre di recupero dall’alto (per circa 250 metri) con l’utilizzo di corde e di diversi operatori impegnati nella manovra. L’operazione di recupero si è resa ancora più delicata per la donna che nella caduta ha riportato l’infortunio all’arto inferiore.
Un’operazione lunga e faticosa che ha impiegato una quindicina di tecnici del Soccorso Alpino, e che si è conclusa questa notte. La donna infortunata, è stata successivamente affidata alla Assistenza Pubblica di Villa Minozzo che successivamente l’ha trasportata all’ospedale Sant’Anna di Castelnuovo Monti per le cure e gli accertamenti del caso.

 



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu