Novellara. Caso Saman, anche l’altro cugino si è detto “estraneo ai fatti”

saman_art

A dirlo è stato Luigi Scarcella, avvocato difensore di Nomanhulaq Nomanhulaq, un cugino di Saman Abbas attualmente indagato per omicidio e occultamento del cadavere della 18enne pachistana scomparsa il 30 aprile da Novellara, nella Bassa reggiana

“Il mio assistito ha contestato tutti gli addebiti che gli sono stati elevati e si è dichiarato estraneo ai fatti”.

Il cugino è andato videocollegamento col tribunale dal carcere di Reggio Emilia, dov’è ristretto dopo essere stato estradato dalla Spagna. Le domande sono state poste dalla pm Laura Galli e dal gip Luca Ramponi. L’interrogato si è poi avvalso della facoltà di non rispondere, come confermato dal legale.
In precedenza anche l’altro cugino della ragazza e lo zio, entrambi indagati, avevano detto di non c’entrare nulla con la scomparsa della parente.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu