Martina Colombari e Corrado Tedeschi al Teatro Bismantova di Castelnovo Monti

martina_colombari

Ultimo appuntamento da non perdere per la stagione di prosa 2021-2022 al Teatro Bismantova di Castelnovo Monti.

Giovedì 21 aprile, alle ore 21, Corrado Tedeschi e Martina Colombari portano in scena “Montagne Russe”. Due nomi molto noti al grande pubblico per una commedia divertentissima dello sceneggiatore, drammaturgo e regista francese Eric Assous. Un testo che esprime una pungente riflessione sul tema dei legami familiari e sul valore del rapporto nei confronti del prossimo. Un uomo di cinquant’anni e una donna giovane e attraente si incontrano in un bar nel tardo pomeriggio e lui, approfittando dell’assenza della moglie partita per una vacanza, la invita nel suo appartamento.

L’uomo inizia a sedurla ma succede qualcosa che frena le avances. Da qui tutta una serie di esilaranti e piccanti colpi di scena fino ad arrivare ad un inaspettato e toccante finale. Una storia che diventa sempre più misteriosa e imprevedibile. Nel copione domina un intreccio di strategie raffinate e crudeli e, allo stesso tempo, emerge un grande vuoto da colmare. Un faccia a faccia da vivere direttamente, come spettatori che guardano nella finestra del dirimpettaio. Ad interpretare il protagonista maschile, l’istrionico Corrado Tedeschi, per la prima volta affiancato dall’affascinante attrice e modella Martina Colombari.

Eric Assous, scomparso prematuramente alla fine del 2020, è stato un autore di successo per radio, teatro e cinema; ha vinto due volte il premio Molière nel 2010 e nel 2015, mentre nel 2014 ha ottenuto il Grand prix du théâtre alla carriera dall’Académie française.
La commedia diretta da Marco Rampoldi – già regista di precedenti lavori con Corrado Tedeschi, come “Partenza in salita” di Gianni Clementi e “La coscienza di Zeno” di Italo Svevo – è scritta con sapienza, è divertente, sorprendente e regala momenti di intensa commozione.

Afferma il regista Marco Rampoldi: “Le montagne russe non sono solo l’attrazione da luna park che in modo inaspettato entra in gioco nella trama dello spettacolo. Sono soprattutto simbolo del continuo meccanismo di salita e discesa vorticosa in cui i due protagonisti si trascinano a vicenda. Non è possibile raggiungere un punto di equilibrio. Ogni volta che una realtà sembra essere accertata, viene rimessa in discussione. E questo crea una dinamica fortissima, che accosta momenti di intenso divertimento ad altri di tensione. Il testo appare sempre in bilico fra la commedia e il thriller psicologico. Abbiamo cercato di rispettare entrambi gli aspetti, senza sovraccaricare lo spettacolo di segni volti a privilegiane uno o l’altro. Abbiamo invece fatto in modo che l’impostazione recitativa assecondasse ed esaltasse i continui movimenti del testo, verificando, ancora una volta, che il pubblico più si diverte in una sezione, più è aperto all’emozione il momento dopo. E per questo è stato fondamentale avere un attore che ha una empatia forte con la sala come Corrado e una debuttante sorprendente come Martina, che possiede naturalmente il fascino necessario alla protagonista femminile e che ha dimostrato una grande capacità di stare sul palco e accompagnare le notevoli sfumature del personaggio. Il risultato è stato, come ci auguravamo e sapevamo sarebbe successo, uno spettacolo che il pubblico può godere in modo totale, ridendo come in una commedia di situazione e con battute fulminanti e provando autentica emozione mano a mano che la situazione si svela”.

Per accedere allo spettacolo sarà necessario il green pass rafforzato e la mascherina FFP2.
Per informazioni; www.teatrobismantova.it, telefono 0522 611876, biglietteria 0522 614078.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu