Emma Petitti eletta vicecoordinatrice della Conferenza dei presidenti delle assemblee legislative regionali

Roberto Ciambetti ed Emma Petitti

Emma Petitti, presidente dell’assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, è stata eletta vicecoordinatrice della Conferenza dei presidenti delle assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome italiane, che si è riunita in forma plenaria a Roma per il rinnovo dei propri organi. Resterà in carica per i prossimi due anni e mezzo.

Roberto Ciambetti, presidente del consiglio regionale del Veneto, è stato eletto coordinatore della Conferenza, mentre Piero Mauro Zanin, presidente del consiglio regionale del Friuli-Venezia Giulia, sarà l’altro vicecoordinatore assieme all’emiliano-romagnola Petitti.

“Ringrazio i colleghi per la fiducia accordata”, ha commentato la presidente Petitti: “Questo risultato testimonia il grande lavoro svolto dall’assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna e dall’intero Ufficio di presidenza, che voglio ringraziare per l’impegno che svolge quotidianamente. Messi a dura prova nel difficile contesto dell’ultimo anno, abbiamo dimostrato di saper reagire alle difficoltà, cercando soluzioni con la massima dedizione e ottenendo risultati proficui per la nostra comunità regionale”.

A livello mondiale, ha ricordato Petitti, “stiamo attraversando un momento estremamente delicato a causa della pandemia. Come istituzioni siamo chiamati ad affrontare sfide epocali per sostenere il nostro Paese sul piano sanitario, sociale ed economico e ora più che mai dobbiamo lavorare tenendo ben presenti i compiti che la Conferenza ha prefissato nel suo statuto, tra cui quello di promuovere iniziative atte a valorizzare il ruolo di rappresentanza democratica delle assemblee. Sono certa che attraverso un lavoro sinergico e obiettivi comuni, per i quali la Conferenza si impegnerà nei prossimi mesi, potremo programmare la ripartenza e guardare con più ottimismo al futuro”.

L’assemblea plenaria, tramite il coordinatore Ciambetti, si è impegnata a scrivere al presidente del consiglio Draghi e alla ministra Gelmini “perché il governo ponga un’attenzione particolare ai ristori per le attività economiche nelle zone arancioni e per un’azione congiunta, comune a quella dei presidenti delle Regioni, nell’affrontare la situazione epidemiologica ed economica in atto”.

Già nella precedente seduta i presidenti delle assemblee legislative regionali avevano sottoscritto un documento firmato all’unanimità, e inviato all’allora premier Conte, per chiedere all’esecutivo nazionale un sostegno per le categorie economiche maggiormente penalizzate dalle restrizioni alle attività previste in zona arancione.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu