Cocoricò, discoteca nota nel mondo, lancia il crowdfounding e diventa anche museo

Cocoricò chiuso per 4 mesi, pronto il ricorso al Tar

La storica discoteca di Riccione Cocoricò, nota in tutto il mondo, ha lanciato una campagna di crowdfunding per ultimare la ristrutturazione del locale, annunciando la nascita di Mudi – MUseo DIscocratico, il primo museo ospitato all’interno di un club italiano.
La campagna di raccolta fondi online si appoggia alla piattaforma Produzioni dal Basso e punta a coinvolgere gli appassionati nel ripristino del locale colpito dalle difficoltà del settore in seguito alla pandemia.

Una volta terminati i lavori di rinnovo, portati avanti dai nuovi gestori Enrico Galli e Antonella Bonicalzi, le sale espositive ospiteranno produzioni artisti di varia forme: videoarte, performance, musica live, pittura, scultura, fotografia, teatro e cinema, per “valorizzare i giovani talenti”, spiegano dal locale. Le mostre e le performance si svolgeranno in concomitanza con le serate del club, non appena sarà consentito il ritorno sui dance-floor. Ed è già pronto un calendario di esibizioni e incontri programmati nel corso dell’anno. Chi deciderà di contribuire alla raccolta fondi potrebbe ricevere il ‘golden ticket’ (l’abbonamento a vita al Cocoricò dal momento dell’apertura) o vedere il proprio nome inciso sul ‘Wall Of Fame’ del locale.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu