“Senza vaccini costretti a chiudere tutto”

Stefano Bonaccini ER mics

Domenica 25 luglio il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e il governatore della Regione Liguria Giovanni Toti hanno dialogato sul palco del lungomare di Rapallo nell’ambito della manifestazione “Rapallo Protagonisti”, trovandosi uniti sul fronte dell’importanza della campagna vaccinale in questo momento di crescente diffusione della variante delta.

“Siamo in un tempo nuovo, perché se non avessimo i vaccini di fronte a questa ondata saremmo di nuovo costretti a chiudere tutto”, ha sottolineato il presidente Bonaccini. “Abbiamo un’occasione unica, quella del Pnrr, per una grande ripartenza del nostro Paese”. Bonaccini, tuttavia, ha anche auspicato una semplificazione burocratica con il “modello ponte di Genova” per poter attuare i progetti e spendere le risorse in arrivo.

Sulla stessa linea il presidente della Liguria Toti: “Il bilancio è quello di un paese che è ripartito, di una campagna vaccinale che sta proteggendo gran parte dei cittadini, previsioni ottimistiche per la ripresa dell’economia. I numeri turistici di giugno ci dicono che stiamo recuperando, sono ancora pochi gli stranieri ma significative le presenze italiane. Ma i numeri ci dicono anche che il Covid sta tornando a circolare, anche se non come nelle ondate precedenti e solo per un motivo, le vaccinazioni. Per cui bisogna vaccinare, vaccinare, vaccinare, se vogliamo continuare a vivere”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu