A Modena al via Motor Valley Fest

motor

Sguardo al futuro e all’innovazione tecnologica, ma radici ben salde nella storia e nella tradizione di un territorio che coniuga da sempre la passione per la meccanica con il gusto per la bellezza creando auto e moto che, sfidando il tempo, rappresentano autentiche opere d’arte in movimento.

Potrebbe essere la sintesi dell’edizione 2022 del Motor Valley Fest, con il titolo “The Art of Innovation”, che da giovedì 26 a domenica 29 maggio si sviluppa a Modena e in Emilia-Romagna con convegni e tavole rotonde con i rappresentanti delle principali case motoristiche, confronti con start up e mondo universitario, esibizioni negli autodromi, parate di auto d’epoca, esposizioni di vetture e mostre, visite ai musei, spettacoli teatrali e film, iniziative per i bambini sull’educazione stradale, aperture straordinarie di negozi e locali nel centro cittadino, sabato fino alle 2 con la Notte di Luna dedicata ai motori.

L’iniziativa, alla quarta edizione, è organizzata dall’associazione Motor Valley con Regione Emilia-Romagna, Comune di Modena, ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale, il sostegno di Unicredit e la collaborazione di diversi soggetti tra i quali la Camera di commercio di Modena, Muner, Aci, Autopromotec e il Wall Street Journal come main partner.

Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli, con il presidente di Aci Modena Vincenzo Credi, ha fatto il punto sul programma della manifestazione, giunta alla quarta edizione, nel cortile del Palazzo dei Musei proprio durante l’allestimento della mostra “Formula Modena”, con l’organizzatore Mauro Battaglia e la direttrice del Museo dell’auto di Torino Mariella Mengozzi: la mostra propone Ferrari e Maserati degli anni ’50 e ’60, un esempio di come tecnologia e design del Novecento possono incontrare storia e cultura.

Sarà così in tante piazze del centro storico e, come da tradizione, nel cortile d’onore del Palazzo Ducale dove si sta allestendo il Villaggio Motor Valley con l’esposizione di modelli dei più prestigiosi marchi della terra dei motori (Ferrari, Maserati, Pagani, Lamborghini, Ducati, Dallara) e dei quattro autodromi regionali. Nei cortili interni, inoltre, il circolo della Biella propone un’esposizione dei suoi mezzi storici.

In piazza Roma sono in programma sfilate di auto storiche e presentazioni, mentre in piazza Torre (con piazza Grande riservata alle strutture per la cerimonia di beatificazione di don Lenzini) si può fare un tuffo nel passato delle quattro ruote grazie all’operazione di restauro “Restomod” su una vettura Maserati, a cura di Tomaso Trussardi. Il progetto “Restomod” Maserati 3200 Gt riunisce i tre attori principali del Fest: le Università, gli operatori del settore e i grandi brand.

Ancora Maserati in piazza XX Settembre, Pagani in piazza Mazzini e in piazza Matteotti sarà allestito lo stand Bugatti (“La storia non scompare”) e altre esposizioni saranno in diversi luoghi della città, tra cui anche il parco Ferrari con una festa in programma nella Torretta dell’ex autodromo.

Alla chiesa San Carlo Modenamoremio propone, invece, la mostra “Punti incrociati: moda, motori e design”.

Sabato 28 e domenica 29 maggio nel parcheggio del Pala Molza Aci Modena propone il Karting in piazza per bambini dai 6 ai 10 anni: kart elettrici per imparare le regole dell’educazione stradale divertendosi.

All’Autodromo è in agenda “PenskeCars Test Drive Experience”, imperdibili test drive con macchine uniche.

Iniziative sono previste anche nei musei del circuito Motor Valley e poi a Maranello, Fiorano, Formigine, Nonantola e Campogalliano.

Informazioni anche online sul sito https://motorvalley.it/motorvalleyfest.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu