Reggio. A Finalmente domenica “Un salto” con Silvia Ferrara all’origine dell’immaginazione

silvia_ferrara

L’incontro di Finalmente Domenica del 13 marzo (ore 11.00) Ridotto del Teatro Municipale Valli con Silvia Ferrara, in dialogo con Daniele Francesconi, sarà un viaggio alla scoperta dei luoghi remoti e misteriosi dove gli esseri umani hanno inventato figure, simboli, parole: qualcosa di completamente nuovo, di potente e di eterno.
Dalle impronte nella grotta di Pech Merle a quelle di Yenikapı in Turchia, dalle giraffe incise nel deserto del Sahara ai petroglifi giganti delle Hawaii, dai templi di Göbekli Tepe ai segni enigmatici nelle grotte del Salento: Silvia Ferrara, nel presentare il suo libro Il salto. Segni, figure, parole: viaggio all’origine dell’immaginazione (edito da Feltrinelli) ci guida lungo uno straordinario cammino di salti verso l’invisibile.

Scopriamo così la nostra antichissima storia di manipolatori della natura, impastatori della sua materia grezza, orditori di trame inaspettate, esploratori dei meandri oscuri del possibile, tessitori di un mondo di fiction. Incontriamo disegni di uomini e donne e di animali estinti, figure astratte senza interpretazione. Come e perché sono nati? Come nasce un simbolo, un’icona, un segno? Chi lo crea? E chi lo capisce? Come passa il messaggio? Che cosa si voleva dire?

Silvia Ferrara, filologa, è professoressa ordinaria di Civiltà egee all’Università di Bologna. Ha studiato alla University College di Londra e all’Università di Oxford e, dopo diversi anni come ricercatrice in Archeologia e linguistica a Oxford, è tornata in Italia. Nel 2017 il suo progetto di ricerca ha vinto il Consolidator Grant dell’European Research Council. Per Feltrinelli ha pubblicato La grande invenzione. Storia del mondo in nove scritture misteriose (2019).

L’incontro sarà trasmesso anche in diretta streaming su www.iteatri.re.it e sui canali youtube e facebook della Fondazione I Teatri, grazie alla collaborazione con Edunova, Centro Interateneo dell’Università di Modena e Reggio Emilia.
Ingresso gratuito con prenotazione (online su www.iteatri.re.it e in biglietteria)
*Costo di un euro per le prenotazioni online.

L’accesso a teatro è consentito con green pass rafforzato e mascherina Ffp2.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu