Vertenza Manifattura Riese, la proprietà diserta anche il secondo appuntamento al ministero

sciopero Manifattura Riese Navigare Carpi

La proprietà della Manifattura Riese (ex Navigare) di Carpi, che già aveva comunicato la messa in liquidazione dell’azienda e la contestuale cessazione delle attività, ha disertato – dopo quello del 2 luglio scorso – anche l’incontro del 19 luglio a Roma presso il Ministero dello sviluppo economico, scatenando le ire dell’assessore regionale allo sviluppo economico e al lavoro della Regione Emilia-Romagna Vincenzo Colla.

“È inaccettabile – ha detto Colla – il comportamento della proprietà di Manifattura Riese. Condivido le valutazioni e l’appello delle organizzazioni sindacali e delle loro rappresentanze in merito a un comportamento imprenditoriale inconcepibile che, a fronte di tante soluzioni possibili per un’azienda di un settore in crisi, non veda la disponibilità al confronto. Imprenditori che non si presentano a una riunione convocata dalle istituzioni, in questo caso dal governo, dimostrano una preoccupante carica di cinismo e disprezzo verso i lavoratori, prevalentemente donne, e le loro famiglie”.

La storica azienda, con sede legale a Rio Saliceto (in provincia di Reggio) e stabilimento con vendita a Carpi (in provincia di Modena), ha avviato la procedura di licenziamento collettivo di tutti e 82 i lavoratori. Le quote di Manifattura Riese sono attualmente in mano per l’80% a Luchi Fiduciaria, una società di cui non è ancora noto il proprietario, che le ha acquisite dal fondo Consilium, e per il restante 20% alla Navy Group dell’imprenditore carpigiano Massimo Brunetti.

Al tavolo convocato al Mise, gestito dal coordinatore della struttura per le crisi d’impresa Luca Annibaletti, oltre alla Regione Emilia-Romagna erano presenti Confindustria Emilia-Romagna, i sindaci di Carpi Alberto Belelli e di Rio Saliceto Lucio Malvasi e i sindacalisti Sonia Paoloni (Filctem-Cgil nazionale), Maritria Coi (Filctem-Cgil Emilia-Romagna), Roberto Righi (Filctem-Cgil Modena), Raffaele Salvatoni (Femca-Cisl nazionale), Roberto Giardiello (Femca-Cisl Emilia-Romagna).

Il Ministero del lavoro ha già convocato per il prossimo 28 luglio un ulteriore incontro proprio per discutere della procedura di licenziamento collettivo: “Auspico la partecipazione della proprietà – ha spiegato l’assessore Colla – così da poter avviare un confronto e mettere a disposizione tutti gli strumenti legislativi e normativi che permettono di evitare una cesura sociale di tale portata. Il modello che abbiamo condiviso in Emilia-Romagna, anche con la sottoscrizione del Patto per il lavoro e il clima, è di evitare atti unilaterali, quale comportamento civile e democratico nei momenti di difficoltà delle imprese”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu