Venerdì 19 marzo l’Ensemble Zefiro suona Beethoven dalla Sala degli specchi del teatro Valli di Reggio

Ensemble Zefiro Sala degli Specchi teatro Valli

Prenderà il via venerdì 19 marzo dalla Sala degli Specchi del teatro municipale Valli il progetto “Camera Music” della Fondazione i Teatri di Reggio, grazie al quale la musica da camera diventa soggetto e protagonista di cinque cortometraggi: cinque piccoli concerti – ognuno dei quali dedicato a un unico compositore – eseguiti da alcuni tra i migliori interpreti italiani in un diverso e suggestivo spazio del teatro reggiano, ripresi ogni volta da un diverso videomaker e trasmessi online sul sito, sul canale Youtube e sulla pagina Facebook della Fondazione.

Il primo appuntamento è appunto quello di venerdì 19 marzo alle 20.30 dalla Sala degli Specchi del teatro Valli con l’Ensemble Zefiro (Paolo Grazzi, oboe; Emiliano Rodolfi, oboe; Alfredo Bernardini, corno inglese), che eseguirà il Trio Op. 87 di Beethoven sotto l’occhio filmico di Jeris Fochi.

L’Ensemble Zefiro, fondato a Mantova nel 1989 dagli oboisti Alfredo Bernardini e Paolo Grazzi e dal fagottista Alberto Grazzi, è un complesso con organico variabile, specializzato in quel repertorio del Settecento in cui i fiati hanno un ruolo di primo piano. In questi anni è diventato un punto di riferimento in ambito internazionale per il repertorio di musica da camera del ‘700 e dell‘800 con strumenti d’epoca. Per questo progetto eseguiranno il Trio Op. 87, a cui Beethoven si dedicò nel 1795, quando aveva 24 anni ed era arrivato a Vienna da poco: un trio pieno di brio, per un organico insolito formato da due oboi e un corno inglese.

A riprendere il concerto sarà Jeris Fochi, che realizza produzioni video per teatri, istituzioni culturali e aziende dal 1981 con Mediavision Cine & Video, casa di produzione da lui stesso fondata.

Il luogo che accoglierà questo piccolo concerto, la Sala degli Specchi, è forse uno degli spazi più cari ai frequentatori del teatro Valli: una meravigliosa sala al Ridotto che accoglie in tempi normali incontri, conferenze e dibattiti. Molti anni fa era la sede della Società del Casino e al suo interno sono stati celebrati anche molti matrimoni negli anni Sessanta del Novecento; in un passato più lontano, durante la prima Guerra Mondiale, la sala era stata anche adibita a ospedale militare, come testimoniato anche da una preziosa fotografia di Roberto Sevardi conservata alla fototeca Panizzi.

Il progetto Camera Music proseguirà poi tutti i venerdì seguenti fino a metà aprile: venerdì 26 marzo, sempre alle 20.30, Francesco Corti al clavicembalo eseguirà il IV Ordre di Couperin nella Sala Rossa, ripreso da Piergiorgio Casotti; venerdì 2 aprile, alle 20.30, il Trio di Parma eseguirà il Trio con pianoforte di Ravel sul palcoscenico del teatro Valli, ripreso da Rotpunkt; venerdì 9 aprile, ancora alle 20.30, Francesco Dillon al violoncello eseguirà la Suite n.3 op.87 di Britten nella Sala dell’Astrolampo, ripreso da Valeria Civardi; venerdì 16 aprile, infine, sempre alle 20.30, l’Ensemble Icarus eseguirà la Sonata per flauto, viola e arpa di Debussy ripreso da Matteo Bigi e Luca Moretti.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu