Reggio. Ubriaco e senza patente urta 2 auto e tenta la fuga: con sé aveva un coltello e una katana

coltello

Ha urtato due automobili lungo la strada, ha tentato la fuga, ma è stato fermato dalla Polizia locale di Reggio Emilia, mentre cercava di effettuare una inversione a “U” in via Fratelli Cervi (Via Emilia a Pieve Modolena), al volante di una Mercedes Classe A.

Il conducente – è emerso nel corso degli accertamenti – era un 39enne residente in Romania, guidava senza aver mai conseguito la patente e con un tasso alcolemico superiore a quello consentito; portava con sé, sul sedile del passeggero, una spada ‘katana’ lunga quasi un metro e, accanto al cambio, un coltello a serramanico.

Contestate le diverse violazioni al Codice della strada, gli agenti hanno denunciato il 39enne per porto abusivo di armi.

E’ accaduto intorno alle 22 di mercoledì scorso. Gli agenti del nucleo Antidegrado della Polizia locale stavano percorrendo a bordo di una loro auto ‘civetta’ la Via Emilia, quando hanno notato, non lontano dallo svincolo di innesto della tangenziale nord, le manovre azzardate del conducente della Mercedes, che tentava di invertire il senso di marcia e tornare verso la città.

Dopo aver affiancato l’auto, gli agenti si sono qualificati e hanno intimato l’alt al conducente, che ha innescato una maldestra retromarcia, tamponando una Lancia Y che si trovava dietro di lui. Bloccato prontamente il conducente della Mercedes, gli agenti hanno percepito da subito l’afrore dell’alcol e notato la vistosa katana, inserita nel fodero e appoggiata sul sedile del passeggero. Il controllo dell’abitacolo ha consentito di rilevare altresì il coltello a serramanico, sistemato fra il sedile del conducente e il cambio.

Durante il rilievo dell’incidente, gli agenti hanno inoltre appurato che il 39enne, prima di colpire la Lancia Y, aveva urtato una Peugeot 308. I conducenti di queste due auto sono usciti illesi dagli scontri. Il 39enne è stato infine accompagnato negli uffici del Comando per gli atti di legge.

 



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu