Reggio. Parere favorevole a due tratti di elettrodotto interrati a San Rigo e Villa Gavassa

tecnico tubature acqua Iren Ireti lavori

Il Consiglio comunale ha dato oggi il via libera alla costruzione di due nuovi tratti di elettrodotto interrato nelle zone di San Rigo e Gavassa. Gli interventi, che comporteranno un miglioramento del servizio elettrico nelle aree interessate agli interventi entreranno a tutti gli effetti a far parte della rete di distribuzione dell’energia elettrica di e-distribuzione spa, sono stati approvati:

l’impianto di San Rigo, con 17 favorevoli (Pd, Più Europa, Reggio E’); un voto di astensione (Alleanza Civica);

l’impianto di Gavassa, con 18 favorevoli (Pd, Più Europa, Reggio E’), uno contrario (Forza Italia), 9 astenuti (Movimento 5 Stelle, Alleanza Civica,Lega Salvini premier, Coalizione Civica).

SAN RIGO – La realizzazione dell’elettrodotto, che si configura quale opera di pubblica utilità, si rende necessaria per collegare la nuova cabina di trasformazione MT/BT di via Ruozzi ad altra cabina già esistente in zona. Il nuovo tratto, interamente interrato, avrà una lunghezza di circa 800 metri e sarà posto a una profondità superiore a un metro dal piano stradale.

L’esecuzione dell’intervento, per un importo di circa 56mila euro a carico di e-distribuzione, non comporterà, a lavori ultimati, alcuna alterazione morfologica del terreno né, tanto meno, modificherà lo stato dei luoghi. Il sistema forestale e boschivo non verrà in alcun modo interessato dall’esecuzione dell’opera in quanto il tracciato è per la quasi totalità su strada quindi non si renderà necessario abbattere nessun albero.

GAVASSA – L’intervento, funzionale all’impianto Forsu Biometano in farse di realizzazione in via Caduti Muro di Berlino a Gavassa, consentirà un significativo potenziamento e miglioramento del servizio elettrico nell’area.

L’elettrodotto attraverserà i comuni di Correggio, San Martino in Rio e Reggio Emilia con un tracciato di 9,5 chilometri, completamente interrato, e sarà posto ad una profondità superiore a un metro e trenta centimetri dal piano stradale senza comportare alcuna alterazione morfologica del terreno. L’opera, finanziata con un importo di circa 2,5 milioni di euro a carico di e-distribuzione, seguirà quasi per intero il tracciato stradale.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu