Reggio. Nasce il parco Jessica Filianti, la 17enne uccisa a coltellate in strada nel’96

jessica_art

Nell’approssimarsi della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che viene ricordata in tutto il mondo il 25 novembre, la Giunta comunale ha approvato l’intitolazione di un giardino a “Jessica Filianti, vittima di femminicidio”, in ricordo della studentessa diciassettenne uccisa dall’ex fidanzato il 14 marzo 1996. L’area individuata è situata tra via Giacomo Matteotti, via Pier Giacinto Terrachini e via Carlo Zucchi, all’interno del parco Matteotti, situata a poca distanza dal luogo in cui fu uccisa la ragazza.

“Reggio Emilia non ha dimenticato Jessica Filianti, e l’intitolazione di un giardino a suo nome è il giusto tributo a una ragazza che si affacciava alla vita, vittima di un gesto violento e scellerato che ha recato dolore e lutto a una comunità intera – afferma il sindaco, Luca Vecchi – Vogliamo rendere onore all’impegno della mamma, Giuliana Reggio, che in questi anni si è battuta perché la memoria di Jessica restasse viva. La nostra città e la nostra provincia devono restare vigili sul tema del femminicidio, e fare sempre più comunità per prevenire episodi di violenza contro tutte le donne”.

“Intitolare a Jessica Filianti un luogo della città vuol dire riconoscere l’importanza della sua tragica vicenda nella storia recente di Reggio Emilia. È un impegno che l’Amministrazione comunale aveva preso con la città e i familiari di Jessica, che oggi onoriamo a ridosso della ‘Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne – dichiarano gli assessori con delega alla Toponomastica Lanfranco de Franco e alle Pari Opportunità Annalisa Rabitti – A distanza di 24 anni dalla sua scomparsa, Jessica continua a essere nel cuore di tanti reggiani e non, di chi l’ha conosciuta e dei cittadini e delle associazioni che negli anni si sono impegnati a mantenerne vivo il ricordo. Per noi il ‘Giardino Jessica Filianti’ dovrà essere un luogo di memoria, ma anche un simbolo di lotta alla violenza di genere, portatore di un messaggio importante soprattutto per le giovani generazioni. Ci impegneremo per rendere al più presto più piacevole questo giardino, situato in un punto di grande passaggio e a pochi metri dal luogo in cui avvenne il terribile fatto, e renderlo riconoscibile dalla cittadinanza”.

La decisione di dedicare il giardino alla memoria di Jessica Filianti fa seguito all’approvazione da parte del Consiglio comunale, nel febbraio 2019, di una mozione in merito all’intitolazione di una via o piazza alla giovane e a tutte le vittime di femminicidio. La richiesta era poi passata all’analisi della Commissione Toponomastica che, lo scorso 27 ottobre 2020, ha infine espresso parere favorevole relativamente alla richiesta, proponendo di inserire nella denominazione del giardino la dicitura “vittima di femminicidio”.

Il Comune di Reggio Emilia insieme al Tavolo interistituzionale per il contrasto alla violenza maschile contro le donne nel 2018 aveva già dedicato alla memoria di Jessica Filianti una targa commemorativa in via Buozzi (angolo via Terrachini), luogo dove avvenne il femminicidio, su cui sono state impresse le parole: “Non c’è nulla in questa morte che ricordi amore”.

L’intitolazione dell’area verde, così come l’apposizione della targa commemorativa, si inseriscono nell’ambito dell’impegno ormai ventennale del Comune di Reggio Emilia sul tema della prevenzione e del contrasto alla violenza maschile contro le donne, un impegno che da più di 10 anni ha permesso di dare vita al Tavolo interistituzionale per il contrasto alla violenza maschile contro le donne e di promuovere numerose attività di sensibilizzazione ed educazione in materia di differenza di genere e diritti.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu