Motonautica. I due Gp italiani di F1 di metà luglio rinviati a settembre per la siccità del fiume Po

fiume Po riva di sabbia siccita drone

Alla luce dell’emergenza idrica che sta interessando in particolare i fiumi del bacino padano, la Federazione italiana motonautica ha deciso di rinviare alla seconda metà di settembre i due gran premi di F1 di motonautica assegnati all’Italia, che erano inizialmente in programma nei giorni 15, 16 e 17 luglio sul fiume Po all’altezza del centro federale Fim di San Nazzaro (frazione del comune di Monticelli d’Ongina, in provincia di Piacenza).

“È stata una decisione molto difficile da prendere”, ha spiegato il presidente della Fim Vincenzo Iaconianni, “data l’importanza dei due eventi e in considerazione del fatto che la macchina organizzativa dei due gran premi (il Gran premio Regione Emilia-Romagna e il Gran premio d’Italia, organizzati dalla Fim insieme alla Regione Emilia-Romagna e alla società Motonautica San Nazzaro, ndr) si era già messa in moto da tempo. Ma le ineludibili valutazioni fatte insieme alla dirigenza della Regione e al Comune di Monticelli d’Ongina circa l’opportunità, anche etica, di tenere in calendario delle gare di motonautica nelle attuali condizioni di sofferenza del fiume Po, che pure non riguardano lo specchio d’acqua riservato alle competizioni, ci ha indotto a rinviare il tutto a dopo l’estate”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu