Morte Cagol, sentiti ex Br Paroli-Casaletti

mara_cagol

Gli ex brigatisti reggiani Loris Tonino Paroli e Attilio Casaletti sono stati ascoltati dalla magistratura di Torino nell’ambito della vicenda del sequestro di Vittorio Vallarino Gancia (industriale del vino) e che portò all’uccisione di Margherita (Mara) Cagol, trentina, tra i capi delle Brigate Rosse, moglie di Renato Curcio, rimasta uccisa dopo uno scontro con i carabinieri alla Cascina Spiotta (ex rifugio partigiano e covo brigatista) alla periferia di Acqui Terme. In quella sparatoria morirono l’appuntato Giovanni D’Alfonso, mentre il tenente Umberto Rocca colpito in pieno dallo scoppio di una bomba, perse un braccio e un occhio e il maresciallo Rosario Cattafi, investito dalle schegge, rimase ferito. L’unico a rimanere illeso è l’appuntato Pietro Barberis, mentre l’altro dei due brigatisti che era con la Cagol, rimasto sconosciuto, riesce a fuggire verso il bosco.

Mara Cagol e il reggiano Lauro Azzolini in una foto dei tempi

Ed è questo che l’indagine vuole appurare: chi era l’uomo che riuscì a fuggire? Luciano Seno, alto ufficiale dei carabinieri e poi del Sismi, nel 1975 era l’uomo di punta della squadra costituita dal generale Dalla Chiesa per dare la caccia ai terroristi rossi, alcuni giorni orsono aveva detto in merito al fuggitivo: “Iniziammo da subito a cercare di dargli un nome, da alcune tracce all’inizio ci convincemmo che fosse Alfredo Bonavita, uno dei fondatori delle Brigate Rosse. Adesso invece a quanto pare si è scoperto che era un altro del nucleo storico, Lauro Azzolini”.

Loris Tonino Paroli allora e ai tempi nostri

Lauro Azzolini, oggi 79 anni, è un reggiano della montagna, di Casina, ex operaio alla Lombardini e appartenente al cosiddetto “gruppo reggiano” storico delle Br, implicato nella vicenda del sequestro di Aldo Moro, arrestato a Milano e condannato all’ergastolo, oggi libero, aveva commentato in modo enigmatico il suo presunto coinvolgimento in quella vicenda: “Dico solo che di quella operazione si assunse per intero la responsabilità, l’organizzazione Brigate Rosse”.

Bene, lunedì, accompagnati dall’avvocato Vainer Burani, anche Loris Tonino Paroli, 78 anni, del nucleo storico dell’appartamento di via Emilia San Pietro, e Attilio Casaletti, che fu arrestato alle porte di Milano, e più volte citato nel libro “Mara, Renato ed io” di Alberto Franceschini, hanno reso testimonianza su quei momenti. Paroli ha riferito che a quel tempo si trovava già in carcere, mentre Attilio Casaletti gravitava su Milano e non avrebbe avuto legami con i fatti avvenuti in Piemonte.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu