Modena. Ubriaco alla guida provoca incidente stradale, denunciato ragazzo di 23 anni

polizia locale Modena auto

È stato denunciato con l’accusa di guida in stato di ebbrezza l’automobilista di 23 anni che nella notte tra mercoledì 22 e giovedì 23 dicembre, intorno alle quattro, ha causato un incidente stradale in via Galilei a Modena coinvolgendo anche altri due veicoli. Fermato dalla polizia locale, il giovane è stato trovato con un tasso alcolemico nel sangue pari a oltre il triplo del limite massimo consentito dalla legge.

Il ventitreenne, residente in città, stava uscendo da un parcheggio con la sua Bmw quando, per ragioni ancora da accertare, ha sbandato urtando una Lancia Y guidata da un ragazzo di 26 anni e una Mercedes che si trovava in sosta nello stesso posteggio. Sul posto sono intervenute le pattuglie del comando di via Galilei, che hanno sottoposto i due conducenti all’alcoltest: il 23enne è risultato avere un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro (il limite di legge è 0,5), un valore rientrante nella terza e più grave fascia di infrazione individuata dalla normativa in materia.

Al giovane automobilista, dunque, è stato contestato il reato definito dall’articolo 186 del Codice della strada e gli è stata ritirata la patente, mentre la Bmw di sua proprietà è stata sottoposta a fermo amministrativo. Sarà adesso l’autorità giudiziaria a stabilire in quale misura applicare la sanzione a suo carico (l’ammenda prevista spazia da 1.500 a 3.000 euro, tenendo conto anche della dinamica dell’incidente) e le eventuali sanzioni accessorie, la detrazione di dieci punti dalla patente e la durata della sospensione del documento di guida (da uno a due anni). La sanzione, inoltre, potrà essere anche aumentata dal 30% al 50%, dal momento che i fatti si sono verificati nelle ore notturne (dopo le 22 e prima delle 7).

Ai proprietari delle altre due auto coinvolte nell’incidente saranno fornite le informazioni relative alla controparte, con le quali potranno decidere di avviare l’iter assicurativo finalizzato alla richiesta di risarcimento danni.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu