Mercoledì 14 ottobre mobilitazione dei precari della scuola davanti alla prefettura di Reggio

sciopero precari della scuola

Le sigle sindacali Flc-Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuol e Snals Confs hanno organizzato per la giornata di mercoledì 14 ottobre una mobilitazione nazionale dei lavoratori precari della scuola, che a Reggio si svolgerà in forma di sit-in a partire dalle 15 davanti alla Prefettura di corso Garibaldi.

La mobilitazione è nata per chiedere al governo un piano di stabilizzazioni, abilitazioni e valorizzazione delle professionalità dei precari che produca effetti immediati “anziché le consuete 200.000 supplenze annuali”, oltre al rinvio e a un ripensamento delle procedure concorsuali previste per i docenti in considerazione del contesto di emergenza sanitaria Covid-19.

“Bisogna prendere atto che senza il contributo dei precari, ormai ben oltre il 30% dell’organico su base nazionale, la scuola pubblica italiana chiuderebbe domattina e che sarebbe necessario un atteggiamento di minore arroganza e di maggiore dialogo da parte del Ministero dell’Istruzione”, hanno spiegato le organizzazioni sindacali.

Per quanto riguarda il territorio reggiano sono più di 3.500 i precari: 2.084 docenti tra scuola dell’infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo e di secondo grado e 601 unità di personale Ata tra assistenti amministrativi, assistenti tecnici, collaboratori scolastici e Dsga assunti a Reggio per l’anno scolastico 2020-2021, numeri ai quali vanno aggiunte le ulteriori deroghe (circa 70) per i posti di sostegno, le 750 nomine per i posti Covid più varie “supplenze brevi” fino al termine delle lezioni, per un totale dunque di oltre 3.500 nomine su un organico di circa 10.000 posti.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu