Di Maio lascia il Movimento 5s, nasce Insieme per il Futuro. Con lui 51 deputati e 11 senatori

di_maio11

Il presidente della Camera Roberto Fico ha annunciato il Aula alla Camera la costituzione del gruppo Insieme per il Futuro, la nuova componente che fa capo a Luigi Di Maio e di cui fanno parte tutti i deputati che hanno lasciato il Movimento Cinque Stelle.

51 deputati alla Camera

Ad aderire alla formazione di Luigi Di Maio tutti ex grillini, con la presenza di un ex deputato di Coraggio Italia: Antonio Lombardo. A lasciare il M5S per il ministro degli Esteri sono stati Cosimo Adelizzi, Roberta Alaimo, Alessandro Amitrano, Giovanni Luca Aresta, Sergio Battelli, Luciano Cadeddu, Vittoria Casa, Andrea Caso, Giampaolo Cassese, Laura Castelli, Luciano Cillis, Federica Daga, Paola Deiana, Daniele Del Grosso, Margherita Del Sesto, Giuseppe D’Ippolito, Gianfranco Di Sarno, Iolanda Di Stasio, Manlio Di Stefano, Francesco D’Uva, Mattia Fantinati, Marialuisa Faro, Luca Frusone, Chiara Gagnarli, Filippo Gallinella, Andrea Giarrizzo, Conny Giordano, Marta Grande, Nicola Grimaldi, Marianna Iorio, Luigi Iovino, Giuseppe L’Abbate, Caterina Licatini, Anna Macina, Pasquale Maglione, Alberto Manca, Generoso Maraia, Vita Martinciglio, Dalila Nesci, Maria Pallini, Gianluca Rizzo, Carla Ruocco, Manuele Scagliusi, Davide Serritella, Vincenzo Spadafora, Patrizia Terzoni, Gianluca Vacca, Simone Valente, Stefano Vignaroli.

11 senatori

Al momento il gruppo Insieme per il futuro a Palazzo Madama può contare su undici senatori, tra i quali Primo Di Nicola, Vincenzo Santangelo, Pietro Lorefice, Daniela Donno, Sergio Vaccaro e Simona Nocerino.

Martedì sera il ministro degli Esteri aveva annunciato: “Lasciamo il Movimento 5 Stelle che da domani non sarà più la prima forza politica del Parlamento”.

Così alla fine si è consumato lo strappo. Luigi Di Maio se ne va dal Movimento che aveva contribuito a portare oltre il 30% arriva alla fine della giornata più lunga per la tenuta della maggioranza e del governo. “Quella di oggi è una scelta sofferta che mai avrei immaginavo di dover fare. Oggi io e tanti colleghi lasciamo il Movimento 5 stelle. Grazie al Movimento cinque stelle per quello che mi ha dato, ma credo anche di avere ricambiato. Da domani non sarà più prima forza in Parlamento”. Queste le frasi con cui, verso la fine del suo discorso tenuto all’Hotel Bernini di Roma, il ministro degli Esteri Luigi di Maio ha sancito lo strappo definitivo con il suo passato. E poi: “Da oggi inizia un nuovo percorso e per fare progredire l’Italia da Nord a Sud abbiamo bisogno di aggregare i migliori talenti e le migliori capacità, perché uno non vale l’altro”, così le parole di Di Maio, che sembrano accantonare il celebre “uno vale uno”, che per anni è stato uno dei cavalli di battaglia del M5S.

Una scissione annunciata quellaper una “forza politica che non sarà personale”, dove “non ci sarà spazio per odio, sovranismi e populismi”, l’epilogo degli ultimi attriti con Giuseppe Conte sul posizionamento del Movimento nei confronti della guerra in Ucraina. Una separazione in casa che si trasforma in divorzio con tanto di nuovo nome per il neonato soggetto politico ‘Insieme per il futuro’. Due gruppi parlamentari uno alla Camera e uno al Senato con 39 deputati e 11 senatori, in tutto 50 firme che – filtra da fonti vicine al titolare della Farnesina – hanno come obiettivo quello di raggiungere quota 60.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu