Delmonte (Lega): sci, stagione mai partita e già finita. Aumentare i ristori

delmonte

“I ristori annunciati a dicembre dalla Regione per i maestri di sci e snowboard non sono ancora arrivati, ma ormai la stagione, che non è nemmeno partita, è ormai alla sua fine con enormi danni per gli operatori del settore. Per questo chiediamo che la Regione riveda al rialzo quanto annunciato quando la stagione, pur in ritardo, aveva ancora possibilità di svolgersi anche nei centri del nostro Appennino”. Lo ha detto il consigliere regionale della Lega Gabriele Delmonte presentando un question time in apertura dei lavori della seduta del Consiglio Regionale. Delmonte ha ricordato la clamorosa protesta dei maestri di sci e di snowboard davanti alla sede della Regione per sollecitare interventi a sostegno del settore e la rumorosa assenza dell’assessore regionale alla montagna che non ha mai preso parte agli interventi e agli incontri sul tema. “Ci risulta – ha aggiunto Delmonte – che la Giunta sta predisponendo una nuova legge ad hoc, ma si prevede la conferma di un ristoro complessivo di un milione di euro per i circa 400 maestri di sci e di snowboard della nostra regione, ma se questa cifra era adeguata quando si pensava che la stagione, a dicembre, potesse ripartire, adesso che non restano che un paio di settimane, tempo permettendo, a metà marzo, ci pare non adeguato a coprire un’intera stagione sciistica di fatto mai partita”. L’esponente del Carroccio ha sottolineato la fragilità delle stagioni sciistiche del nostro Appennino in condizioni normali, condizioni che si sono aggravate durante il lockdown imposto dalla lotta alla pandemia. “In queste condizioni – ha concluso Delmonte – non capiamo a cosa serva un assessore regionale alla montagna che non ha mai preso la parola né è mai intervenuto su questa emergenza che è certo economica ma che ha anche specifiche ripercussioni per i territori montani della nostra regione. L’assessore compente, però, su questo tema risulta non pervenuto”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu