Bonaccini: stop J&J sarebbe una tegola

Johnson&Johnson_a

Sulla sospensione a scopo cautelativo del vaccino Johnson&Johnson negli Stati Uniti “attendiamo il pronunciamento delle autorità scientifiche”. Lo dice il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, intervenendo questo pomeriggio a Radio1 Invivavoce. “Mi auguro – aggiunge – che come avvenuto per Astrazeneca il vaccino non venga fermato. Vorrebbe dire che è sicuro e che lo si può utilizzare”. Ieri in Emilia-Romagna tra quelli chiamati a vaccinarsi nella fascia 70-74 anni “le rinunce ad Astrazeneca sono state pochissime”, sottolinea Bonaccini. “Mi auguro – continua – che per Johnson&Johnson accada la stessa cosa e possa essere rimesso in circolazione e utilizzato altrimenti sarebbe una bella tegola perchè è arrivata oggi la prima fornitura, doveva essere messo in disponibilità delle varie Regioni, seppur per poche migliaia, nelle prossime ore e questo stop è un ulteriore problema. E’ giusta la precauzione, bisogna guardarci bene fino in fondo, auguriamoci che possa essere un ulteriore vaccino che si aggiunge a quelli che già ci sono, in attesa di quello italiano entro l’estate. Se arrivano le dosi, noi siamo in grado di vaccinare più persone possibili ed è il vero strumento per mettere al riparo la popolazione”.

In una nota Johnson&Johnson aveva spiegato di aver deciso di ritardare le consegne dei suoi vaccini in Europa: “Siamo a conoscenza degli estremamente rari” problemi avuti da “un piccolo numero di persone che hanno ricevuto il nostro vaccino. Il Cdc e la Fda stanno rivedendo i dati relativi a sei casi negli Stati Uniti su oltre 6,8 milioni di dosi somministrate. Per precauzione, il Cdc e la Fda hanno raccomandato una pausa nell’uso del nostro vaccino”. “Stiamo rivedendo questi casi con le autorità europee e abbiamo deciso in via proattiva di ritardare le consegne all’Europa”, osserva Johnson&Johnson.

E un incontro e’ previsto nel pomeriggio tra i rappresentanti del Ministero della Salute, dell’Agenzia italiana del farmaco, dell’Iss e del Cts dopo la richiesta di sospensione in Usa del vaccino J&J.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu