Cgil, Cisl e Uil: “Sul blocco dei licenziamenti Confindustria Emilia-Romagna sbaglia”

sicurezza lavoro

I segretari generali della Cgil dell’Emilia-Romagna Luigi Giove, della Cisl emiliano-romagnola Filippo Pieri e della Uil regionale Giuliano Zignani hanno bollato come “sbagliate” le scelte del governo Draghi sul blocco dei licenziamenti e sul Decreto Semplificazioni, in particolare rispetto al tema degli appalti pubblici. “Il nostro Paese e anche la nostra regione sono di fronte a un bivio fondamentale. Le conseguenze della pandemia sull’economia, sul lavoro e sulla coesione sociale sono state e sono pesanti, il Paese ha bisogno di rilanciarsi e il Pnrr è l’occasione storica per poterlo fare, ma è fondamentale farlo valorizzando il lavoro e non scaricando su lavoratrici e lavoratori i costi della pandemia”.

In Emilia-Romagna, hanno ricordato Cgil, Cisl e Uil, “è stato sottoscritto da 55 istituzioni, sindacati e associazioni datoriali, tra cui anche la Confindustria regionale, il Patto per il lavoro e per il clima, dove si sancisce che si lavorerà tutti per evitare licenziamenti e si condivide un modello di sviluppo e gestione degli appalti pubblici fondato su legalità e qualità del lavoro. Confindustria deve a questo punto decidere se rispetta gli impegni assunti o continua a sostenere la liberalizzazione dei licenziamenti, come fatto nel comunicato del 23 maggio firmato con Confindustria Veneto, Lombardia e Piemonte”.

I provvedimenti del governo sui licenziamenti, sugli ammortizzatori sociali e sul lavoro, hanno proseguito Giove, Pieri e Zignani, “sono insufficienti nel merito e per il modo in cui sono stati assunti. Noi chiediamo la proroga del blocco dei licenziamenti per tutti fino a fine ottobre e che le scelte decisive per il mondo del lavoro (riforma degli ammortizzatori sociali e delle politiche attive) non siano unilaterali, ma siano discusse con le organizzazioni sindacali, così come il premier Draghi si era impegnato a fare. La priorità oggi deve essere vaccinare e rilanciare l’economia, non licenziare chi ha tenuto in piedi il Paese durante i mesi più duri dell’emergenza”.

“Abbiamo letto la bozza di Decreto Semplificazioni che il governo si appresterebbe ad approvare”, hanno aggiunto i segretari regionali di Cgil, Cisl e Uil, “e la riteniamo inaccettabile, un salto indietro nel passato più buio, mentre ancora centinaia di lavoratrici e lavoratori continuano a morire sul lavoro. Appalti al massimo ribasso, subappalto libero e senza regole, deroghe al Codice Appalti prorogate fino al 2026. Non è così che si rilancia il Paese, non esiste crescita fondata sullo sfruttamento dei lavoratori, sulla competizione al ribasso, aprendo il terreno alle infiltrazioni della criminalità. Noi siamo per sburocratizzare e semplificare le procedure, ma non sono i diritti dei lavoratori, la sicurezza nei cantieri e i presidi contro la criminalità organizzata il problema della burocrazia italiana, anzi sono l’argine contro derive intollerabili e la garanzia per la costruzione di opere e di lavoro di qualità”.

Il governo, è l’appello finale dei sindacati emiliano-romagnoli, “cambi direzione e apra un confronto vero con le organizzazioni sindacali, altrimenti saremo pronti ad attivare tutte le forme di mobilitazione a nostra disposizione, nessuna esclusa”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu