Al Poligono di tiro di Reggio la commemorazione di don Borghi, prete fucilato

commemorazione_donborghi

Il 30 gennaio 1944, a poco più di un mese dall’uccisione dei sette fratelli Cervi e di Quarto Camurri, nel Poligono di tiro di Reggio Emilia i fascisti repubblichini fucilarono don Pasquino Borghi e altri otto antifascisti: Ferruccio Battini, Romeo Benassi, Umberto Dodi, Dario Gaiti, Destino Giovannetti, Enrico Menozzi, Contardo Trentini ed Enrico Zambonini.

In diretta dal Poligono di tiro, il sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi, insieme a Ermete Fiaccadori, presidente Anpi Reggio Emilia, ricordato il 78° anniversario della Fucilazione dei martiri del 30 gennaio 1944.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu