Dal 20 settembre in ER terze dosi a persone fragili

fiale quattro vaccini

A settembre la Commissione tecnico-scientifica (Cts) dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha dato il via libera alla somministrazione di una terza dose del vaccino contro il nuovo coronavirus ad alcune categorie di persone, con priorità in primis per le persone fragili, alle quali questa terza dose sarà inoculata già a partire dall’ultimo scorcio di 2021.

I destinatari della dose addizionale sono: persone con trapianto di organo solido in terapia immunosoppressiva, con trapianto di cellule staminali ematopoietiche (entro due anni dal trapianto o in terapia immunosoppressiva per malattia del trapianto contro l’ospite cronica), in attesa di trapianto d’organo, sottoposte a terapie a base di cellule T esprimenti un recettore chimerico antigenico (cellule Cart), con patologia oncologica o onco-ematologica in trattamento con farmaci immunosoppressivi, mielosoppressivi o a meno di 6 mesi dalla sospensione delle cure.

E ancora: persone con immunodeficienze primitive (ad esempio: sindrome di DiGeorge, sindrome di Wiskott-Aldrich, immunodeficienza comune variabile, etc.), con immunodeficienze secondarie a trattamento farmacologico (ad esempio: terapia corticosteroidea ad alto dosaggio protratta nel tempo, farmaci immunosoppressori, farmaci biologici con rilevante impatto sulla funzionalità del sistema immunitario, etc.), in dialisi e con insufficienza renale cronica grave, con pregressa splenectomia, con sindrome da immunodeficienza acquisita (Aids) con conta dei linfociti T CD4+ < 200cellule/µl o sulla base di giudizio clinico.

In Emilia-Romagna le somministrazioni delle terze dosi inizieranno da lunedì 20 settembre: le persone appartenenti alle categorie sopra elencate saranno contattate direttamente dalle aziende sanitarie di riferimento.

Sono due i casi per i quali è prevista la terza dose del vaccino, con tempistiche di somministrazione diverse: per completare il ciclo vaccinale primario, perché in queste circostanze la dose addizionale è ritenuta necessaria per garantire un livello adeguato di risposta immunitaria in una popolazione a rischio Covid-19 severo; oppure (in questo caso di parla di booster) per effettuare un richiamo dopo che il ciclo vaccinale primario è già stato completato, con l’obiettivo di mantenere nel tempo un adeguato livello di risposta immunitaria.

La dose addizionale sarà somministrata dopo almeno 28 giorni dall’ultima dose ricevuta ed è rivolta in via prioritaria ai soggetti trapiantati e immunocompromessi e alle persone in dialisi e con insufficienza renale cronica grave. La dose booster, invece, sarà somministrata dopo almeno sei mesi dall’ultima dose ricevuta ed è destinata alle persone ritenute a maggior rischio di sviluppare la malattia in forma grave per le proprie condizioni di fragilità (ad esempio i grandi anziani o i soggetti ricoverati nelle Rsa) ed eventualmente agli operatori sanitari, a seconda del livello di esposizione al virus.

Considerate le indicazioni fornite dalla commissione dell’Aifa, nel caso non fosse disponibile lo stesso vaccino utilizzato per il ciclo vaccinale primario sarà possibile utilizzare come dose addizionale uno dei due vaccini a m-RNA autorizzati in Italia: Comirnaty di BioNTech/Pfizer per i soggetti dai 12 anni in su e Spikevax di Moderna nei soggetti almeno maggiorenni.



C'è 1 Commento

Partecipa anche tu
  1. Vaccinato

    Mi viene da pensare che se alla fine di ottobre avremo tra i 30 e i 40000 nuovi contagi quotidiani , avendo nel frattempo vaccinato tutto il vaccinabile, tutti i soggetti con solo 2 dosi di vaccino verranno reidentificati come novax e si inizierà la rincorsa da capo, noo dai questi sono pensieri ignoranti, gli intelligenti per forza di cose devono avere una soluzione migliore.


Invia un nuovo commento