Sarà dedicata a Samba Coly una delle stanze della futura Casa Arcobaleno di Reggio

Casa arcobaleno Pier Vittorio Tondelli circolo Gardenia Reggio Alberto Nicolini

Sarà dedicata a Samba Coly, morto ad appena trent’anni nel 2019, una delle stanze della futura “casa arcobaleno” di Reggio, uno spazio sicuro in cui saranno accolte fino a quattro persone Lgbt+ vittime di violenza e omofobia, per permettere loro di costruirsi un nuovo percorso di vita.

La scelta è maturata nell’ambito della campagna di raccolta fondi promossa da Arcigay Gioconda a sostegno del progetto, che ha consentito di raccogliere complessivamente 12.755 euro. I fondi saranno utilizzati per coprire alcuni costi dell’appartamento: la ristrutturazione degli spazi (1.800 euro), l’acquisto dei mobili (4.200 euro), il pagamento delle utenze per il primo anno (2.400 euro) e un sostegno economico per gli ospiti nel periodo iniziale (1.600 euro).

Ciascuna donazione alla campagna di crowdfunding prevedeva una ricompensa, variabile a seconda dell’importo donato; tra queste anche la possibilità per il donatore di poter decidere il nome di una delle stanze della casa – che nel complesso sarà invece intitolata allo scrittore corregese Pier Vittorio Tondelli, a trent’anni dalla sua morte.

Il circolo Arci Gardenia di Reggio, in virtù della ricompensa scelta, ha deciso quindi di dedicare uno degli ambienti della casa alla memoria di Samba Coly: originario del Senegal, amico del circolo, molto conosciuto e benvoluto; già meccanico e tornitore, forte della propria manualità si era messo a svolgere un’attività di creazione di scatole artigianali.

“Samba – hanno ricordato i suoi amici – era nato in una famiglia molto umile, ma molto unita, e questo rapporto è sempre stato molto importante e di rispetto. Metteva il bene degli altri al primo posto, c’era sempre nel momento del bisogno. Samba per gli amici era quella persona che ti capiva solo guardandoti negli occhi, e senza dire una parola ti abbracciava. Amava le moto e l’Inter. Amava stare in mezzo alla gente, divertirsi e fare il dj. Amava fare volontariato. Amava vivere a 360 gradi. Amava fare del bene, senza volere niente in cambio, con pura gentilezza e disponibilità. Era una di quelle persone rare, sorrideva alla vita, nonostante i problemi. Noi, i suoi amici, siamo molto grati che sia stato insieme a noi e crediamo che da lassù ci stia guardando le spalle e mettendo della buona musica. Ci piacerebbe che a Samba fosse dedicato il salotto, una stanza dove si chiacchiera e ci confronta”.

“Fin dall’inizio il nostro progetto voleva essere di accoglienza e non di mero servizio”, ha spiegato il presidente di Arcigay Gioconda Alberto Nicolini: “Questo gesto generoso del circolo Arci Gardenia ci avvicina a questo obiettivo. Non un dormitorio, ma una casa. Intitolare la sala da pranzo a un ragazzo come Samba Coly significa avere già un pezzo dell’amicizia e del calore che tanto mancano a chi si trova in strada perché rifiutato. Per questo ringraziamo Arci Gardenia, che ci avvicina di un passo alla realizzazione del nostro sogno più grande”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu