Riprendono gli scambi tra Reggio Emilia e le città gemellate

scambi_reggio

Dopo quasi due anni di “forzata inattività”, Reggio torna ad accogliere le missioni internazionali provenienti dalle città gemelle e dai territori con cui sussistono storici rapporti di amicizia. Dopo la pausa pandemica, Amministrazione comunale e Fondazione E35 hanno ripreso infatti a promuovere programmi di visita e scambi. Nelle ultime settimane il sindaco Luca Vecchi ha incontrato due delegazioni sudafricane della provincia del Gauteng e due delegazioni del progetto MaisPemba che sono arrivate in città per approfondire i temi dell’ambiente e dei progetti educativi. Una delegazione di città indiane interessate al tema delle ‘città a misura di bicicletta’ è stata a Reggio per approfondire le pratiche locali di ciclabilità. Sono inoltre ripresi gli scambi giovanili con la città gemella di Fort Worth in Texas. Una delegazione di Reggio, con l’assessora alle Attività produttive e al Commerio Mariafrancesca Sidoli, si è poi recata a Digione, legata a Reggio da un gemellaggio storico, per l’inaugurazione della Città del vino e della gastronomia che ha visto nel taglio del nastro la presenza, fra gli altri, dell’ex presidente della Repubblica francese Francoise Hollande e il sindaco di Digione, Francois Rebsamen.

GAUTENG (SUDAFRICA) – E’ in questi giorni a Reggio la delegazione sudafricana della provincia del Gauteng, che opera in particolare nel settore automotive, nel sistema cooperativo e in ambiti quali educazione e ricerca, sport e cultura e turismo rispetto ai quali si vogliono delineare nuovi ambiti di cooperazione e progettazione. La delegazione ha occasione di incontrare Unindustria Reggio Emilia e visitare il Digital Lab e Unimore che ha già firmato diversi accordi con Università sudafricane, incontreranno Legacoop Emilia ovest e alcune cooperative associate che da anni sostengono formazione e scambi. Nell’ambito cultura, la delegazione visiterà inoltre l’Archivio Reggio Africa e incontrerà Istoreco, protagonista nella definizione di percorsi educativi nelle scuole, e l’associazione Mamimò che ha avviato percorsi di scambio con associazioni culturali del Gauteng. La delegazione incontrerà inoltre la Fondazione dello Sport per definire la partecipazione della città di Reggio agli Oliver Tambo Soncini Sport Games e preparare la prossima edizione dei giochi internazionali del Tricolore, e avrà anche l’occasione di riprendere la collaborazione con l’associazione italiana del turismo responsabile. Infine la delegazione avrà l’occasione di visitare il Parco Innovazione, dove incontrerà Stu Reggiane, e il Centro internazionale Malaguzzi per definire con Reggio Children nuove iniziative e attività.

Alcuni giorni fa cinque giovani ingegneri sudafricani, selezionati nell’ambito del progetto “Together. Training Opportunities for GautEng youTH in Emilia Romagna”, hanno visitato Reggio Emilia per scoprire da vicino le esperienze emiliane del settore automotive e incontrare gli attori del territorio che da anni contribuiscono allo sviluppo delle relazioni fra Reggio Emilia e il Sudafrica. Nella visita a Reggio Emilia, i giovani neo-laureati hanno visitato diverse imprese e spazi della ricerca e dell’innovazione: tra gli altri, Nexion Corghi spa, l’azienda Fratelli Menabò, l’azienda Flexbimec Automotive, la Dallara Academy, il Digital Hub promosso da Unindustria Reggio Emilia Rei, i laboratori di Unimore – Muner e il Parco Innovazione di Reggio Emilia. Particolarmente interessante anche la partecipazione dei cinque giovani ingegneri al convegno inaugurale del Motor Valley Fest grazie alla collaborazione con Unimore.

PEMBA – Il progetto MaisPemba vede inoltre in questi giorni a Reggio l’assessore all’ambiente della città mozambicana di Pemba, Claudia Sonia Roldao, accompagnata da una delegazione tecnica. Una delle aree centrali della collaborazione tra la nostra città e la gemella mozambicana è infatti quella dell’ambiente, dell’educazione ambientale, dello sviluppo sostenibile e della gestione dei rifiuti urbani. Nell’ambito del progetto MaisPemba, finanziato dall’Unione europea e guidato dal Comune di Reggio Emilia con il forte impegno di Iren ed Eduiren, le nostre città stanno pianificando interventi innovativi per migliorare la gestione dei rifiuti e sensibilizzare studenti e cittadini della città di Pemba a migliorare il proprio sistema urbano.

Nel corso della visita la delegazione ha avuto l’opportunità di visitare diversi impianti e modelli di gestione dei rifiuti della nostra città, ma anche di incontrare, per lo scambio di buone prassi e la pianificazione delle attività future, l’assessore Carlotta Bonvicini e i tecnici del Servizio Ambiente del Comune di Reggio Emilia, insieme ad altri attori impegnati nell’educazione ambientale e nello sviluppo sostenibile.

Nelle scorse settimane si è svolta una missione invece del settore educazione della città mozambicana che ha potuto incontrare e confrontarsi con i servizi promossi da Officina educativa, Istituzione scuole e nidi d’infanzia e il Centro internazionale Loris Malaguzzi.

INDIA – Il Comune di Reggio Emilia e Fondazione E35 hanno accolto nei giorni scorsi una delegazione proveniente dalle città indiane di Ranchi e Patna per una exchange study visit organizzata nell’ambito del programma europeo Iurc – International Urban and Regional Cooperation. Obiettivo della visita era far conoscere le politiche di sviluppo urbano sostenibile della città di Reggio Emilia con un focus particolare sulle politiche e le iniziative relative alla mobilità sostenibile e alla qualità dell’aria.

Il Commissario Municipale di Ranchi Mukesh Kumar, il Direttore di Ranchi Smart City Corporation Amit Kumar e il consulente della Municipal Corporation di Patna Ravi Kumar, insieme al referente del programma Iurc Panagiotis Karamanos hanno incontrato l’Assessora alle Politiche per la sostenibilità Carlotta Bonvicini per conoscere le politiche ambientali del Comune di Reggio Emilia.

Nei giorni successivi hanno avuto l’occasione di approfondire la conoscenza dei progetti relativi alla mobilità sostenibile e alla qualità dell’aria insieme all’Area Sviluppo territoriale del Comune, all’Agenzia per la Mobilità, Til – Trasporti integrati e Logistica e Arpae. La delegazione ha anche incontrato rappresentanti di Unindustria Reggio Emilia e visitato il Parco Innovazione e il Centro Internazionale Loris Malaguzzi.

DIGIONE – Lo scorso 6 maggio, in occasione dell’apertura della Città internazionale della Gastronomia e del vino di Digione (città gemellata con Reggio Emilia dal 1963) l’assessore ad Attività produttive e valorizzazione del Centro storico Mariafrancesca Sidoli, insieme a Giulia Semeghini di Fondazione E35, era presente alla cerimonia di inaugurazione. In quest’occasione il sindaco di Digione Francois Rebsamen ha chiesto ai rappresentanti di tutte le città gemelle di Digione di rilanciare, dopo le fatiche del Covid, tutte le progettualità in campo sui temi della gastronomia e del turismo.

Cultura, turismo, promozione del territorio con particolare attenzione ai temi dell’enogastromia tradizionale, sono temi centrali per le collaborazioni in essere e future tra Digione, Reggio Emilia e le altre città parte della rete dedicata a questi temi: Meinz (Germania), Guimaraes (Portogallo), Praga (Repubblica Ceca), Chefchaouen (Marocco), Cluj-Napoca (Romania).



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu